Carlo Goldoni
Il feudatario

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Pantalone e detti.

 

PANT. Eccellenza.

BEAT. Dov'è mio figlio?

PANT. Eccellenza, xe arrivà el Cancellier col nodaro e con tutta la Corte; e avanti che vegna notte, i se vol distrigar. I vol dar el possesso del feudo al sior Marchese, perché el Cancellier ha da tornar a Napoli.

BEAT. Vado, per esserci anch'io presente.

ROS. Signora, vi seguirò...

BEAT. Restate coi vostri protettori. Voi non avete bisogno di me; io non mi curo di voi. (La mortifico con dolore, ma ciò è necessario per atterrirla). (da sé, parte)

PANT. M'inchino umilmente alla magnifica Comunità. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License