Carlo Goldoni
Il filosofo di campagna

ATTO SECONDO

SCENA TERZA   Don Tritemio, Eugenia, poi Lesbina che torna

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Don Tritemio, Eugenia, poi Lesbina che torna.

 

EUG.

(È molto, s'io resisto). (da sé)

TRIT.

Affé, non ho mai visto

Una donna di te più scimunita.

Figlia che si marita

Suol esser lieta, al suo gioir condotta;

E tu stai che pari una marmotta?

EUG.

Che volete ch'io dica?

TRIT.

Parla o taci,

Non me n'importa più.

Sposati, e in avvenir pensaci tu.

LESB.

Signor, è un cavaliero

Col notar della villa in compagnia,

Che brama riverir vossignoria.

TRIT.

Vengano. (Col notaro?

Qualchedun che bisogno ha di denaro). (da sé)

LESB.

Rinaldo, padrona. Io vi consiglio

D'evitar il periglio). (piano ad Eugenia)

EUG.

(Andiam, Lesbina). (a Lesbina)

Con licenza. (s'inchina a don Tritemio)

TRIT.

Va pure.

EUG.

(Ahi, me meschina!) (da sé, e parte con Lesbina)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License