Carlo Goldoni
Il filosofo di campagna

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Rinaldo e la Lena

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Rinaldo e la Lena

 

RIN.

Ninfa gentile, al vostro cor son grato.

In braccio al mio contento

Per voi andrò... (in atto di partire)

LENA

Fermatevi un momento.

Se grato esser volete,

Qualche cosa potete

Fare ancora per me.

RIN.

Che non farei

Per chi fu sì pietosa a' desir miei?

LENA

Son contadina, è vero,

Ma ho massime civili e buona dote;

Son di Nardo nipote;

Maritarmi vorrei con civiltà.

Da voi, che siete un cavalier compito,

Secondo il genio mio

Spero un marito.

RIN.

Ritrovar si potrà.

LENA

Ma fate presto;

Se troppo in casa resto

Col zio, che poco pensa alla nipote,

Perdo e consumo invan la miglior dote.

 

Ogn'anno passa un anno,

L'età non torna più;

Passar la gioventù

Io non vorrei così.

Ci penso notte e .

Vorrei un giovinetto,

Civile e graziosetto,

Che non dicesse un no,

Quand'io gli chiedo un sì. (entra nella casa suddetta)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License