Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Pantalone e detta.

 

PANT. Fia mia, son qua con delle buone niove.

ROS. L’avete veduto?

PANT. Chi?

ROS. Il signor Florindo.

PANT. Sior Florindo! Dove xelo? Xelo vegnù a Venezia?

ROS. Non lo sapete? È qui, è tornato, e cerca di voi.

PANT. L’aveu visto?

ROS. Non l’ho veduto. Ma è stata da me la signora Beatrice, e mi ha raccontato ogni cosa.

PANT. Cossa v’ala contà?

ROS. Cento cose, una più bella dell’altra. Il signor Florindo è tornato. Ha lettere di suo padre. Suo padre accorda tutto, si contenta di tutto. Fa stima di voi, fa stima di me. Acconsente alle nostre nozze; ed il signor Florindo è venuto apposta a Venezia per isposarmi.

PANT. Oh! sia maledetto! (butta via con rabbia la sua berretta)

ROS. Oimè! Che è questo? Che c’è di nuovo?

PANT. Ghe xe de niovo, che sior Florindo xe vegnù tardi.

ROS. Come tardi?

PANT. Siora sì; el xe vegnù tardi. Perché non alo scritto una lettera?

ROS. Ha voluto egli portar la nuova in persona.

PANT. L’ha fatto una bella cossa.

ROS. Non mi tenete più sospesa; ditemi...

PANT. Alle curte. V’ho promessa a un altro. E za do ore ho serrà el contratto.

ROS. Oh cielo! Senza dirmelo?

PANT. No ghe giera tempo da perder. El partio no pol esser meggio. Un omo nobile, ricco e generoso.

ROS. Ma senza dirmelo?

PANT. Cara fia, no so cossa dir. L’occasion ha portà cussì. El carattere dell’omo xe stravagante; son informà, che chi nol chiappa in parola in certi momenti el se mua facilmente d’opinion. L’ho trovà de voggia. I amici m’ha conseggià de farlo; l’ho fatto. Avemo sottoscritto, e no ghe xe più remedio.

ROS. Quest’uomo ricco, e nobile, e stravagante, sarebbe mai il signor conte Ottavio?

PANT. Giusto ello. Cossa ve par? Gierelo un partio da lassar andar?

ROS. Povera me! Voi mi avete sagrificata.

PANT. Sagrificada? Perché?

ROS. Perché appunto note mi sono le di lui stravaganze, il di lui costume, il di lui strano temperamento.

PANT. Ve sarà anca nota la so ricchezza, la so nobiltà, e che una donna, che sappia far, lo farà far a so modo e senza una immaginabile suggizion... In summa vu starè da regina.

ROS. Mi lascerà dopo quattro giorni.

PANT. Credeu che sia un minchion. El ve fa diese mille ducati de contradota.

ROS. Ah! signor padre. Questa volta l’interesse v’accieca.

PANT. Me maraveggio de vu, siora. No l’ho fatto per interesse, l’ho fatto per l’amor che ve porto. Un povero pare, scarso de beni de fortuna, nol ve pol dar quella sorte che meritè, nol ve pol dar quel stato che el ve desidera. El cielo me presenta una congiontura per vu felice, e volè che la lassa andar? Ve vorria poco ben, se trascurasse la vostra fortuna. Questo xe un de quei colpi, che poche volte succede. Un omo ricco se innamora de una putta civil. El la domanda a so pare; se el pare tarda un momento a rissolver, el pol precipitar el so sangue. L’omo che gh’ha giudizio, no ha da tardar un momento a rissolver, a concluder, a stabilir. Ho rissolto, ho concluso. Rosaura, vu sarè so muggier.

ROS. E il povero signor Florindo?

PANT. Sior Florindo xe vegnù tardi.

ROS. L’avete pur sempre amato. Avete sempre fatta stima di lui.

PANT. Xe vero, ghe voggio ben, e lo stimo.

ROS. Avete detto pur tante volte, che avreste desiderato che potesse egli divenir vostro genero.

PANT. Sì, l’ho dito, xe la verità.

ROS. Ecco il tempo.

PANT. No gh’è più tempo. El xe vegnù troppo tardi.

ROS. Due ore hanno da decidere di me stessa?

PANT. Siora sì, un momento decide.

ROS. Ma il signor Ottavio...

PANT. Sior conte Ottavio sarà qua adessadesso.

ROS. Il signor conte Ottavio, voleva dire, non ha avuto la mia parola.

PANT. L’ha avù la mia, e tanto basta.

ROS. Voi volete disporre di me, senza nemmeno sentirmi sul punto della mia inclinazione?

PANT. Rosaura, sempre stada ubbidiente; avè sempre fatto pompa della vostra rassegnazion. Adesso xe el tempo de farla maggiormente spiccar. L’ubbidienza no gh’ha nissun merito, quando no la xe in occasion de superar la passion. Domando el consenso dalla vostra ubbidienza, acciò abbiè sto merito de gratitudine verso de mi; del resto, in caso contrario, per farve acconsentir, me basta la mia autorità. Son pare, posso disponer d’una mia fia. So che al matrimonio no contraria, so che lo preferì a ogni altro stato, onde, maridandove, segondo la vostra inclinazion. Circa la scelta del mario, tocca a mi a farla. L’ho fatta, e vu da putta prudente rassegneve, e lodela.

ROS. Ma il signor Florindo venuto apposta di Livorno?...

PANT. Come xelo vegnù?

ROS. Col corriere di Bologna.

PANT. El doveva vegnir per la posta. Chi tardi arriva, mal alloza.

ROS. Non vi sarebbe rimedio?...

PANT. No gh’è remedio. El sior Conte xe qua adessadesso.

ROS. Sentite il signor Florindo.

PANT. Lo sentirò, ma xe tardi.

ROS. Oh sventurata ch’io sono!

PANT. Via, fia, no ve stè a travaggiar. Finalmente sentì, Rosaura: el matrimonio, fatto con genio o contraggenio, lo paragono a un sorbetto, o a una medesina. El sorbetto se beve con gusto, ma el gusto passa e el fa mal: la medesina fa un poco de nausea, ma co la xe in stomego, la fa ben. Se no podè bever el sorbetto de sior Florindo, tolè el siroppo de sior Ottavio, e vederè che el ve farà ben. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License