Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. L’è qua el sior conte Ottavio.

PANT. Che el resta servido. El xe patron.

ARL. Questo l’è generoso. Me vôi buttar. (parte)

PANT. Se le permette. Gh’ho un interessetto co sto cavalier.

FLOR. Tornerò a darvi incomodo.

PANT. Co la comanda.

BEAT. Almeno ditegli...

PANT. Mo cara ella, no la sente che el xe un cavalier?

FLOR. Ha ragione; non lo disturbiamo. E poi il mio affare non è sì breve per trattarlo così su due piedi. Oggi sarò a riverirvi.

PANT. Ancuo, o doman. Co la vol.

FLOR. (Rosaura non gli ha detto nulla. Non so che pensare). (da sé, parte)

BEAT. Signor Pantalone...

PANT. Cara ella la prego...

BEAT. Una parola, e vado. Il padre del signor Florindo accorda...

PANT. El cavalier xe qua.

BEAT. Accorda ch’egli sposi la signora Rosaura. (L’ho detta). (da sé, parte)

PANT. Pustu parlar per l’ultima volta. No posso soffrir sta zente, che vol intrar dove che no ghe tocca. Me despiase anca mi de sior Florindo, ma no so cossa farghe, no ghe vedo remedio, e no gh’ho coraggio de dirghe a sto povero putto, che Rosaura xe dada via.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License