Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Camera di locanda.

 

Brighella in abito di campagna da viaggio. Lumaca servitore. Camerieri d’osteria, che portano bauli ed altre cose del bagaglio della Ballerina.

 

BRIGH. Fe pian, fe pian con quel baul. Gh’è dentro un fornimento de porzellana de Sassonia, che val tre o quattrocento zecchini. Questa sarà la camera da ricever.

CAM. Ma noi, signore, in questa locanda non abbiamo camere superflue. Può ricevere in quella del letto.

BRIGH. Seu matto? Siora Olivetta mia fia volè che la riceva in camera del letto? La mattina, co no la xe levada la receve in letto. Ma co la xe levada, la vol la so camera de udienza. Me despiase che no gh’è l’anticamera.

CAM. Se vuole un palazzo, in Venezia lo troverà.

BRIGH. Siguro che troverò un palazzo. A Vienna, a Berlin, a Dresda, a Lisbona, a Madrid, a Londra l’ha sempre avudo i primi appartamenti della città.

CAM. (Alle spalle de’gonzi). (da sé)

BRIGH. Tirè avanti quei do taolini.

CAM. Dove li vuole?

BRIGH. Qua, un per banda. (mettono li tavolini avanti) Lumaga.

LUM. Signor.

BRIGH. Tiò ste chiave; avri quel baul, e tira fora l’arzentaria.

LUM. La servo. (apre)

BRIGH. Cossa credeu! Ghavemo la nostra arzentaria. (al Cameriere)

CAM. Me ne consolo.

BRIGH. E tutta fatta da siora Olivetta, colle so onorate fadighe.

CAM. Son persuaso.

LUM. (Tira fuori due candelabri, e li a Brighella)

BRIGH. Vedeu? Tutto arzento. (li mette sopra un tavolino)

LUM. (Ne altri due)

BRIGH. Altri do. Colla nostra arma. (al Cameriere, e li mette sull’altro tavolino) Le mocchette, i porta mocchette?

LUM. Eccoli.

BRIGH. Vedeu? Tutto compagno. (al Cameriere) Candele ghe n’è? (a Lumaga)

LUM. Sono finite.

BRIGH. Caro vu, quattro candele. (al Cameriere)

LUM. Di cera non ne ho; se le vuol di sevo...

BRIGH. De seo, de seo. Tanto fa.

CAM. Ma di sevo sui candelieri d’argento...

BRIGH. Cossa importa? Se stima l’arzento, no se stima le candele.

CAM. Ora la servo. (parte, poi torna)

BRIGH. Presto: fora quelle sottocoppe, quelle cogome, quel scaldapiè. Che femo un poco de palazzo. Anca i gotti, anca la saliera. Tutto l’è arzento, tutto impenisse l’occhio. (distribuisce tutto sui )

CAM. Ecco qua le candele.

BRIGH. qua mo, amigo.

CAM. Se comanda, farò io.

BRIGH. Eh, lassè far a mi, che sta roba vu no la savè manizar. (mette le candele colle mani, si sporca, e si netta al giustacore)

CAM. (Povero argento! in che mani è venuto!) (da sé)

LUM. (Gli il bacile per le mani, e la brocca)

BRIGH. Presto un treppiè. (al Cameriere)

CAM. Subito. (va, e torna col treppiè)

BRIGH. Vedeu questo? L’ho fatto mi coi mi bezzi. Siora Olivetta non ha speso gnente.

CAM. Vossignoria negozia?

BRIGH. Ve dirò, in confidenza. Tutta la cioccolata che avanza, l’è mia. Tutti ghe ne manda; e mi metto via e vendo; e fazzo delle bagattelle. Ah! l’omo s’inzegna.

CAM. Bravissimo. (Capisco il carattere). (da sé)

BRIGH. Tiò, Lumaga, averzi quel cofrefort.

CAM. Che significa questa parola?

BRIGH. Eh poverazzi! Vualtri in Italia no savè gnente. Cofrefort è parola tedesca, vuol dir... Quel coso che è .

CAM. Uno scrignetto, un bauletto.

BRIGH. Fe conto, una cossa simile. Tirè fora el relogio d’oro. (a Lumaca, che glielo ) Vedeu? Londra. Repetizion. Cento doppie, ah! Ghe n’è in Italia de sta roba? Ghe n’ale le ballerine de sti tesori? Poverazze! bisogna che le ghe fazza de cappello a siora Olivetta.

CAM. L’ha guadagnato colle sue fatiche?

BRIGH. S’intende. Un milord ghe l’ha donà una sera, perché l’ha fatto una decima.

CAM. Che cos’è questa decima?

BRIGH. Eh! cossa saveu, sior alocco? Presto quei stucchi, le scatole, i anelli, le zoggie.

CAM. Che belle cose!

BRIGH. Vedeu sto anello? Vedeu sto boccon de brillante?

CAM. Lo vedo.

BRIGH. Un prencipe tedesco l’ha donà a siora Olivetta, perché l’ha avudo la sofferenza de farse far el so ritratto.

CAM. È fortunata.

BRIGH. Che fortuna! merito, merito, sior, merito. Bisognerà po metter dei taolini, tirar delle corde.

CAM. Per che fare?

BRIGH. Per destender i abiti, acciò che i chiappa aria.

CAM. Ne ha molti?

BRIGH. La se muda ogni zorno, e qualche zorno do volte.

CAM. Mi chiamano, con sua buona grazia.

BRIGH. Comodeve.

CAM. Mi dona nulla per aver aiutato a portare?

BRIGH. Sior sì; volentiera. Mi no me fazzo vardar drio. Tolè.

CAM. Due soldi? A me due soldi?

BRIGH. Cossa voleu che ve daga?

CAM. Se vostra figlia li avesse guadagnati a due soldi la volta starebbe fresca. (parte)

BRIGH. Gran bricconi che i è sti camerieri. Via, dighe a siora Olivetta, che se la comanda vegnir in camera de udienza, l’è all’ordene. (a Lumaca)

LUM. Sì, signore. (Due anni sono, la camera d’udienza era la cucina). (da sé, parte)

BRIGH. M’ingrasso a véder sta roba, sta bella arzentaria. Povera putta! La gh’ha maniere cussì belle, che la cavaria la roba dai sassi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License