Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Olivetta col servitore che le alza la portiera, e detto.

 

OLIV. Grand’asino! Un poco più, mi guastava il tuppè.

BRIGH. Cossa feu, fia? Seu più stracca dal viazo?

OLIV. Non sono stanca, ma ho ancora nel naso il puzzo della barca.

BRIGH. Ghaveu gnente da nasar?

OLIV. Sì, ho quest’acqua di melissa.

BRIGH. Oe, quella bozzettina d’oro no l’ho più vista.

OLIV. È un mobile nuovo.

BRIGH. Da quando in qua?

OLIV. In barca.

BRIGH. Brava!

LUM. (In barca non l’ha guadagnata a far le capriole). (da sé)

BRIGH. Voleu lavarve le man?

OLIV. Me le ho lavate.

BRIGH. No ve le avè miga lavade col bazil d’arzento.

OLIV. Che importa?

BRIGH. Cara vu, lavevele un’altra volta. Me par che no le ghabbiè troppo nette.

OLIV. Ho preso tabacco.

BRIGH. Vedeu? A mi me piase la pulizia. Lavevele col bazil d’arzento.

OLIV. Farò come volete.

BRIGH. Presto, da sentar. (a Lumaca, che prende una sedia) Porta avanti quel bazil. Va a tor dell’acqua. Ecco qua la saonetta. Tutto arzento, tutto arzento.

OLIV. Lumaca.

LUM. Illustrissima.

OLIV. Una guantiera per mettere questi anelli.

BRIGH. Tiò una sottocoppa d’arzento.

LUM. (Prende la sottocoppa con una mano, e coll’altra la brocca coll’acqua, versandone nel bacile)

OLIV. (Lavandosi) Lumaca, vammi a prendere lo sciugatoio.

BRIGH. Quello bello, coi pizzi di Fiandra.

LUM. Ma questa roba...

BRIGH. Lassa véder a mi. (prende egli tutto, Lumaca parte)

OLIV. Mi dispiace, signor padre, che abbiate questo incomodo.

BRIGH. Niente, figlia; ho l’onore di favorirvi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License