Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Pantalone solo.

 

PANT. Sì ben, parleremo. Vardè che canapicolo1! el crede farme paura. Giusto adesso mo son in pontiglio de no ghe la dar. Nassa quel che sa nasser; anca che sior Ottavio no la volesse, Florindo no la ghaverà più, casca el mondo. E quella temeraria de mia fia, se l’averà più ardir de parlar, de vardar, e gnanca de pensar a Florindo, la saverò castigar. Tolè! i giera qua tutti do, con quella cara siora Beatrice de mezzo. Oh che cara siora Rosaura! tutta modestia, tutta obbedienza, tutta rassegnazion; ma se no capitava qua, sa el cielo cossa se macchinava. Chi è de ? In tola. (siede al tavolino, e scrive) Quattro fia sie e otto 32; batter quattro, resta 28; do de provision... Eh! no so gnanca cossa che fazza; sto conto no me vien ben. Che carta xe questa? Una lettera? El xe carattere de mia fia. A sior Florindo? Brava! Una lettera a sior Florindo? Sentimo, mo.

 

Signor Florindo,

 

Quanto io v’abbia amato, voi lo sapete; e dopo un sì grande amore, sarete ben persuaso, che senza pena non potrò da voi distaccarmi. La mia fede ve l’ho serbata, finché ho potuto; ma se mio padre vuol disporre di me altrimenti, sono in necessità di obbedirlo. Il mio cuore, che ho in voi collocato, durerà fatica a ritornarmi nel seno, né io farò gran forza per ritirarlo; ma ad onta ancora di viver senza cuore, la mia mano sottoscriverà il decreto del padre, e morirò obbediente, prima che sopravvivere ingrata. Rassegnatevi anche voi colla vostra virtù ai voleri del cielo; e se questo non muovesi per noi a pietà, scordatevi di me, se potete, quantunque io non mi possa scordar di voi.

 

Rosaura Bisognosi.

 

Cossa séntio? Rosaura ubbidiente a sto segno? Ella stessa licenzia una persona che l’ama tanto? Poveretto mi! Cossa mai oggio fatto? Un’unica fia, che ghe vôi tanto ben, la sagrifico miseramente, la rendo infelice per tutto el tempo de vita soa? Ma come mai possio far? Come possio liberarme da sior conte Ottavio? No ghe xe remedio. Co ghe n’ho un motivo, el m’ha cazzà la scrittura in tel muso. Son un d’onor. Gh’ho promesso, ho sottoscritto. No trovo cao da cavarme2. Orsù, l’è fatta. Rosaura xe una putta prudente; e quella virtù che la fa esser con mi ubbidiente, la farà deventar amorosa per el novo consorte, e rassegnada al destin. (parte)

 

 

 





p. -
1 Sguaiato.



2 Non trovo la via d'uscirne.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License