Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

 

Brighella ben vestito, e detto.

 

BRIGH. Restate, restate, figlia. Giuocate alle carte col signor conte. (verso la porta)

ARL. (Cappari! L’è vestì da siorazzo3!) (da sé)

BRIGH. Chi è che me domanda?

ARL. Son mi, paesan. Ben vegnudo. Ho savù che ti è vegnù a Venezia; te son vegnudo a trovar.

BRIGH. Sì, te vedo volentiera. Ma a mi sto tu el se poderia sparagnar.

ARL. No semio amici? No semio camerade?

BRIGH. Altri tempi, altre cure. Ti, poverazzo, ti è ancora un povero servitor; mi son qualcossa de più.

ARL. Coss’et, caro ti?

BRIGH. No ti vedi in che figura che son?

ARL. Vedo; me ne consolo: ma caro ti...

BRIGH. A monte sto ti. Parla con un poco più de respetto.

ARL. Caro signor Brighella, la compatissa.

BRIGH. Cosa fate? State bene?

ARL. Mi stago ben, e ti?...

BRIGH. Son stufo de sto ti.

ARL. Mo se no me posso tegnir. Com’ela? Me ne consolo. Ti... Vossignoria ha fatto fortuna.

BRIGH. Se ti vedessi mia fia!

ARL. Stala ben Olivetta?

BRIGH. Coss’è sta Olivetta?

ARL. Domando umilissimo perdon. Cossa fa l’illustrissima to fia?

BRIGH. Se vede ben, che ti gh’ha dell’omo ordenario. La sta ben.

ARL. Me ne consolo.

BRIGH. Cossa fa sior Pantalon?

ARL. El nostro patron? El sta ben.

BRIGH. E so fia?

ARL. La se fa novizza.

BRIGH. Lo so. Col conte Ottavio, n’è vero?

ARL. Sì, con ello. Se ti savessi che cavalier generoso!

BRIGH. Eh! lo so. Semo amici.

ARL. Amici?

BRIGH. Sì. Avemo disnà insieme anca sta mattina. Se pratichemo con confidenza.

ARL. Mo se l’è un siorazzo grando e ricco.

BRIGH. E mi, cossa credistu che sia?

ARL. Cossestu deventà? Cónteme, caro ti.

BRIGH. Arlecchin, co sto darme del ti, ti la passerà mal.

ARL. Cara ella, la me conta.

BRIGH. No ti sa, che siora Olivetta xe la prima ballarina d’Europa?

ARL. Cossa mo vol dir?

BRIGH. Vol dir che ghavemo un mondo de roba, un mondo de bezzi, un mondo de zoggie. Oe! fina l’orinal d’arzento.

ARL. Prego el cielo che la possia aver el cantaro d’oro.

BRIGH. Oh! Arlecchin, se ti vedessi che che fa le mie vissere sul teatro! Oh che roba! I omeni i casca morti co i la vede; i se butta fora dei palchi. Un sora l’altro; casca el teatro, el precipita. No se pol star saldi.

ARL. Prego el cielo de no la véder mai.

BRIGH. Perché mo?

ARL. Se casca el teatro, no me vorave copar.

BRIGH. Eh! va via, buffon. Se ti avessi sentio a Vienna cossa che i diseva in todesco, co la ballava!

ARL. Cossa diseveli, caro ti?

BRIGH. Caro ti!

ARL. Cossa diseveli, cara ella?

BRIGH. Brig, luch, nix, fauch, mi intendo tutto el todesco.

ARL. Sì? Cossa vol dir?

BRIGH. Co la ballava, co la fava quelle capriole, i diseva: Oh cara! oh benedetta quella madre che l’ha fatta! Responde un altro: e gnente a quel povero padre che l’ha arlevada? Me cascava le lagreme dalla consolazion.

ARL. Mo che bella cossa! Me vôi maridar anca mi.

BRIGH. Per cossa mo te vustu maridar?

ARL. Per aver una fia; per non servir più. Perché la zente no me daga del ti.

BRIGH. Poverazzo! Ghe vol altro a arrivar al merito della mia creatura! Vedistu quante ballarine che ghe xe? Gnente: val più una piroletta della mia, de cento capriole d’un’altra.

ARL. Cossela mo una piroletta?

BRIGH. Una piroletta? Eccola. Ah! (fa la spaccata) Vedistu?

ARL. Ti sa ballar anca lei?

BRIGH. Gh’ho insegnà mi a mia fia.

ARL. Ma dove ti astu ella imparà?

BRIGH. Mi sono sempre dilettato del ballo.

ARL. Parla toscano lei?

BRIGH. Vedete bene; quando si viaggia, si parla... Ecco mia figlia.

ARL. Col conte Ottavio.

BRIGH. Sì. Il conte Ottavio la serve.

 

 

 





p. -
3 Da gran signore.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License