Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Il conte Ottavio dando il braccio a Olivetta; e detti.

 

OLIV. Dopo che avrò riposato, sarò da Rosaura a tirare il lotto.

ARL. Signora...

BRIGH. Vardè, fia, sto poveromo che ve vol saludar.

OLIV. Addio. (ad Arlecchino)

ARL. Me consolo infinitamente...

OLIV. Conte, non v’incomodate d’avvantaggio, mi ritiro nella mia camera.

OTT. Non mi volete?

OLIV. No, vado a dormire.

OTT. Non mi volete?

OLIV. No, vi dico.

OTT. Un’altra volta. (la lascia con qualche disprezzo)

OLIV. (Lo soffro, so io perché). (da sé)

ARL. Ela contenta, signora...

OLIV. Non ho tempo.

ARL. Mo, cara lustrissima...

OLIV. Mi par di conoscervi.

ARL. Son Arlecchin Battocchio.

OLIV. Sì sì, mi ricordo. Addio. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License