Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO SECONDO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Camera di Pantalone.

 

Pantalone e Beatrice

 

PANT. Mia fia xe la più bona creatura de sto mondo, e se nissun la mettesse su, la farave tutto a mio modo, senza una minima difficoltà.

BEAT. In quanto a me, signor Pantalone, non vi potete dolere; vi ricorderete che questa mattina, in vostra presenza, la consigliava a prendere il conte Ottavio.

PANT. Ma po dopo, siora, l’avè fatta parlar co sior Florindo.

BEAT. Io? Che importa a me di Florindo? Sono amica di casa Bisognosi; voglio bene a Rosaura, desidero vederla star bene, e non m’impaccio dove non mi tocca.

PANT. Ve par che col conte Ottavio Rosaura no starà ben?

BEAT. Anzi benissimo. Questa mattina le ho pur detto dieci volte, che dicesse di sì.

PANT. El xe nobile.

BEAT. La farà diventar contessa.

PANT. El xe ricco.

BEAT. E come! Basta veder quelle gioje.

PANT. Nol gh’ha altro mal, che el xe un poco lunatico.

BEAT. Tutti voi altri uomini avete qualche difetto.

PANT. Florindo finalmente xe fio de fameggia.

BEAT. E suo padre lo tien corto.

PANT. So padre no vol morir per adesso. Sa el cielo, che vita i ghe farave far a mia fia.

BEAT. Figuratevi! Gente avara!

PANT. E po quel sporco el xe un boccon de temerario.

BEAT. Ragazzi che non hanno giudizio.

PANT. Cara siora Beatrice, vu che una donna de proposito, che intende la rason, e che volè ben a mia fia, conseggiela anca vu a quietarse, a sposar volentiera sior conte, a desmentegarse Florindo. Xe vero che la xe bona, che la xe ubbidiente, ma vorria che la fusse contenta, che la lo fasse de cuor; e vu colle vostre parole podè farghe cognosser la verità, e farla esser de bon umor.

BEAT. Non dubitate, signor Pantalone, che farò di tutto per illuminarla, per darle animo; vado in questo momento a ritrovarla nella sua camera, e vorrei che foste presente a sentirmi, che son certa rimarreste contento.

PANT. Andemo, vegnirò anca mi.

BEAT. Oh! no. È meglio ch’io vada sola; parlerò con libertà.

PANT. Via, fe pulito. Ma... fermeve. No ghe xe bisogno d’andarla a trovar. La xe qua che la vien.

BEAT. (Ora son nell’). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License