Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO SECONDO

SCENA VENTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTESIMA

 

 

Il conte Ottavio e detti; poi Arlecchino

 

OTT. (Saluta senza parlare; tutti s’alzano, fuor che Olivetta e Brighella. Ottavio guarda d’intorno con attenzione e paura).

PANT. Cossa vardela, sior conte?

OTT. Vi è il Livornese?

PANT. No la se dubita, nol gh’è, e nol ghe vegnirà.

OTT. Schiavo, signora sposa.

ROS. Serva sua.

OTT. Schiavo, ballerina. Schiavo, grassotta. (a Beatrice)

BEAT. Il signor conte mi burla.

OTT. Sempre i guanti. (a Rosaura)

ROS. Ma, signore...

OTT. Ve li caverete questa sera. Ballerina, avete dormito?

OLIV. Ballerina! Che cos’è questa confidenza?

BRIGH. Gran bel trattar via de qua: sempre madama.

OTT. Avete portato il lotto?

OLIV. La corniola è qui. I viglietti si fanno presto.

BRIGH. Se le vol, mi li fazzo in t’un momento.

OTT. Da scrivere.

PANT. Oe, portè da scriver.

ARL. (Porta un tavolino da scrivere, vicino ad Ottavio e Brighella)

OTT. Un’altra volta. (ad Arlecchino)

ARL. Un felippo alla volta; vado drio fin doman. (parte, poi torna)

OTT. Scrivete. (a Brighella)

BRIGH. Son qua. Numero uno.

OTT. La signora Rosaura. (e un zecchino a Olivetta)

BRIGH. Numero do. (scrivendo)

OTT. La grassotta ( un zecchino)

BEAT. Obbligatissima.

BRIGH. Numero tre.

OTT. Signor Pantalone. ( un zecchino)

PANT. Anca per mi? Grazie.

BRIGH. Numero quattro.

OTT. La ballerina. ( un zecchino)

OLIV. Troppo gentile.

BRIGH. La signora Olivetta, virtuosa de Sua Maestà, ecc. Numero cinque.

OTT. Brighella. ( un zecchino)

BRIGH. Il signor Brighella. Numero sei.

OTT. Conte Ottavio. ( un zecchino)

BRIGH. Numero sette.

OTT. (Guarda li due ballerini) Chi sono coloro?

BRIGH. Do galantomeni nostri amici.

OTT. Mettete. (alli due ballerini, quali si guardano fra di loro) Ho inteso, non ne hanno. Scrivete: due spiantati. ( due zecchini)

BRIGH. Numero sette. Monsù Bilanzè. Numero otto. Monsù Sassè. Numero nove. (guardando Ottavio)

OTT. Arlecchino. (chiama)

ARL. Signor?

OTT. Scrivete: Arlecchino.

BRIGH. Un servitor?

OTT. È stato vostro camerata. Scrivete. ( un zecchino)

BRIGH. Basta, lo metteremo.

ARL. Cossa se venze?

OLIV. Una corniola.

ARL. Corniola? Sta roba se mette al lotto? Se ghe n’è da cargar una nave.

BRIGH. Numero dieci.

OTT. (Guarda d’intorno, non vede alcuno)

BRIGH. Numero dieci.

OTT. Non v’è altri.

BRIGH. Se no i gh’è tutti, no se pol cavar.

OTT. Uh! (con disprezzo a Brighella) Scrivete.

BRIGH. Scrivo.

OTT. Un ladro.

BRIGH. Un ladro?

OTT. Sì, un ladro. Ecco il zecchino. ( un zecchino)

BRIGH. Chi elo sto ladro?

OTT. Lo conosco io.

BRIGH. Un ladro. Ecco finido.

BEAT. Questo ladro sarà il signor conte.

OTT. Come?

BEAT. Sì, perché ha rubato il cuore alla signora Rosaura.

OTT. Brava, grassotta. Ah! Che dite? (a Rosaura)

ROS. (Beatrice tien da chi vince). (da sé)

PANT. Via, allegramente. (a Rosaura)

BRIGH. Adesso bisogna far i bollettini.

OTT. Li ho portati io fatti. Eccoli.

BRIGH. Mettemoli in due cappelli. (offre il suo cappello)

OTT. Sporco. (tira fuori due fazzoletti puliti: mette i viglietti in uno e nell’altro. Ne uno a Rosaura, e l’altro a Beatrice)

BRIGH. Chi caverà i viglietti?

OTT. Vi vorrebbe un innocente.

BEAT. Io.

OTT. Grassotta, galeotta!

PANT. Vorla che fazza vegnir el mio puttelo de mezzà?

OTT. Sì.

PANT. Chiamè Tonin. (ad Arlecchino)

ARL. (Parte)

OTT. Qui sono i numeri. Qui la grazia. E chi non ha la grazia, avrà qualche cosa.

OLIV. Che cosa?

OTT. Una sentenza. Un motto. Una bizzarria. Sentirete.

BRIGH. Eli questi i numeri? (ne spiega alcuni, trova il numero quattro, e lo nasconde con arte) (Questo l’è el numero quattro, el numero de mia fia. Se posso, vôi cuccar7 anca la corniola). (da sé)

 

 

 





p. -
7 Guadagnare con artificio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License