Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Arlecchino e detti; poi il cameriere

 

ARL. El bucintoro dai trenta soldi l’è licenzià.

OLIV. E la roba?

ARL. Che roba?

OLIV. E Lumaca? Oimè! Lumaca?... Non ha portati i bauli?

ARL. Niente affatto.

OLIV. Signor conte, aiutatemi. E così? (al Cameriere)

CAM. La roba è andata.

OLIV. Come?

CAM. Lumaca con la gondola a quattro remi è andato verso Fusina.

OLIV. Oimè! sono rovinata.

OTT. (Passeggia senza parlare)

ARL. (Quel che vien de tinche tanche, se ne va de ninche nanche10). (da sé)

OLIV. Signor conte.

OTT. (Passeggia come sopra)

 

 

 





p. -
10 Proverbio che significa: La roba male acquistata, malamente si perde.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License