Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO TERZO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Brighella, Olivetta e detti.

 

BRIGH. Signori, ecco qua la mia putta, che li vuol riverire. Via, feghe una bella reverenza a ste zentildonne.

OLIV. M’inchino a lor signore; permetta ch’io le baci la mano. (a Rosaura)

ROS. No, no, non v’incomodate.

BRIGH. Cossa disele? Xela umile mia fia? Ghala gnente della vertuosa? Gnente affatto.

BEAT. (È umiliata la signora virtuosa). (da sé)

PANT. Poverazza! Pol esser che recuperè.

OLIV. Il cielo lo voglia.

BRIGH. Me despiase della porzellana, che in Italia no se ne trova.

BEAT. Se volesse ballare nell’opera buffa, parlerei all’impresario.

OLIV. Che dite, papà?

BRIGH. Cara fia, lasso far a vu.

OLIV. Accetterò, per non istar in ozio.

BRIGH. Intanto ve farè cognosser anca in sti paesi. I poderà dir anca qua, che i v’ha visto a ballar.

BEAT. E se non vi fosse altro posto che di figurante?

OLIV. Oh! questo poi...

BRIGH. Eh! che mia fia l’è umile, la farà de tutto. Io intanto anderò a Padova, anderò drio de sto furbazzo. Caro signor Pantalon, me impresteravela do zecchini?

PANT. Per rendermeli quando?

BRIGH. Quando mia fia ballerà.

PANT. Pol esser anca che no i se giusta, e che no la balla.

BRIGH. E po credela che mia fia da qua do o tre zorni no la ghaverà dei bezzi? L’aspetta che se sappia che l’è in Venezia, e la vederà.

BEAT. Via, signor Pantalone, giacché la sorte è propizia, consolate questi poveri innamorati.

PANT. Sì, sposeve, che el cielo ve benediga.

FLOR. Cara signora Rosaura, abbiate pietà di me.

BEAT. Via, che farebbe muovere i sassi. (a Rosaura)

ROS. Non vorrei si credesse...

BRIGH. Povera signora, l’è modesta e ritrosa giusto come mia fia.

PANT. Animo, fia mia. Deghe la man, che ve lo comando.

ROS. Ah! lo farò per obbedirvi.

FLOR. Solamente per obbedire il padre?

ROS. Sì: lo faccio per obbedirlo. Bastivi però di sapere, che in tutte le circostanze della mia obbedienza, a niun comando mi sono con maggior piacere rassegnata.

BEAT. Brava! Oh che belle parole!

FLOR. Mi consolano le vostre voci, ed accettando la vostra mano...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License