Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO TERZO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Arlecchino e detti, poi il cameriere

 

ARL. Siori...

PANT. Cossa gh’è?

ARL. L’è qua el conte Ottavio.

PANT. Oh diavolo!

ROS. Me infelice!

FLOR. Cosa vuole costui?

PANT. Cossa vorlo?

ARL. Brighella, siora Olivetta, allegramente.

BRIGH. Coss’è stà?

ARL. I ha fermà el lader. La roba l’è trovada.

OLIV. Davvero?

BRIGH. Eh! che no ve credo.

ARL. L’è così da galantomo.

BRIGH. Vôi andar a sentir... (volendo partire, incontra il Cameriere)

CAM. Signor Brighella, me ne rallegro.

BRIGH. È la verità?

CAM. Sì, signore, hanno fermato il ladro.

OLIV. Oh cielo! Dove?

CAM. Nella laguna, prima che arrivasse a Fusina.

BRIGH. Com’ela stada? Chi gh’è andà drio?

CAM. Il signor conte Ottavio ha dato alcuni denari; ha mandato dietro al ladro e l’hanno fermato.

BRIGH. Bravo conte, da galantomo. (con aria)

CAM. Mi la mancia?

BRIGH. Se vederemo. (con aria)

CAM. Si ricordi.

BRIGH. Andè, vecchio. Se vederemo.

CAM. È tornato in superbia. (parte)

PANT. Sto sior Ottavio no se vede. Bisogna che no sia vero.

FLOR. Giuro al cielo, lo ammazzerò.

ROS. Ah! no, Florindo.

PANT. No femo susurri.

BEAT. Signora Olivetta, me ne consolo. Ora respirerete.

OLIV. Eh! né anche per questo mi sarei ammalata.

BEAT. Ballerete più nell’opera buffa?

OLIV. Signora no, e mi vergogno d’averci ancora pensato.

BRIGH. Eh! le xe cosse che le se dise, ma po se ghe pensa a farle. Figurarse, una donna de sta sorte!

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License