Carlo Goldoni
La figlia obbediente

ATTO TERZO

SCENA ULTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

 

Il conte Ottavio e detti.

 

PANT. Eccolo.

FLOR. Fremo in vederlo.

PANT. Cossa comandela, patron?

OTT. Avete letto?

PANT. Ho letto.

OTT. E bene?

PANT. Ella xe in libertà, e Rosaura sposerà sior Florindo.

OTT. Non occorr’altro. Vado a Roma; schiavo.

OLIV. Caro signor conte, mi avete voi favorito?

OTT. Zitto.

BRIGH. Ghe saremo obbligadi...

OTT. Zitto. L’ho fatto, perché hanno rubato, essendo costei in camera mia. Son cavaliere. Son galantuomo.

OLIV. Ed io...

OTT. Siete... una superba.

BRIGH. Ma come?

OTT. E voi un birbante. (parte)

BRIGH. Oh, che caro sior conte! Sempre el gh’ha in bocca delle barzellette.

BEAT. Presto; avanti che torni, datevi la mano.

FLOR. Sì, cara, eccola. (si danno la mano)

BEAT. Bravi, bravi.

BRIGH. Se le comanda, co le fa el disnar, co le fa l’invido, ghe impresteremo la nostra arzentaria.

OLIV. Andiamo; sono stanca; sempre in piedi? In questa casa non ci vengo mai più.

BEAT. Signora Olivetta, potete ringraziare il conte Ottavio.

FLOR. Uomo veramente stravagantissimo.

PANT. Tanto stravagante lu, quanto ubbidiente mia fia.

ROS. Ecco, signori miei, l’effetto della obbedienza. Ho conseguito dal cielo per mezzo di questa quel bene che per altra via o non avrei ottenuto, o costato mi sarebbe mille rimorsi. Perciò non falla mai chi obbedisce; e siccome fra tutte le virtù dell’animo, è la più lodevole l’umiltà, così fra le figliuole adorabili di questa madre feconda, la più pregievole è l’obbedienza.

 

Fine della Commedia.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License