Carlo Goldoni
L'amante di sé medesimo

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Il signor Alberto solo.

 

ALB.

Con tutta l'amicizia, sì per diana de dia,

Che sto caro sior Conte quasi lo mandaria.

Mi che son de buon cuor, che son arlevà,

Dove se pregia tutti d'aver della pietà,

No me posso dar pase, che el tratta in sta maniera

Una che ghe vol ben, che pianze e se despiera.

Gh'ho proprio el cuor serrà: eh, matto che son mi;

No gh'intro per un bezzo, e afflizerme cussì?

Se tanto me tanto, se son appassionà,

Cossa faravio allora, se fusse innamorà?

Creperave, ho paura. Donca, scomenzo a dir

Che el Conte gh'ha rason d'andarse a devertir.

Ma el gh'ha torto, el gh'ha torto. Chi vol la libertà,

Se lassa star le putte. La xe una crudeltà.

Avanti de taccarse, bisogna aver inzegno.

Dopo, chi è galantomo, no ha da lassar l'impegno.

O el Conte ha da resolver de far quel che ghe digo

O in mi, ghe lo protesto, el trova un so nemigo.

I omeni onorati no i pol soffrir ste azion.

Son Venezian, né voggio far torto alla nazion. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License