Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Pantalone e dette.

 

PANT. Coss’è, fia mia, steu meggio?

ROS. Ahi il mio cuore! Oh dio! Che dolor di cuore! (sospirando)

PANT. Poverazza! Sempre cussì, siora Beatrice, sempre cussì.

BEAT. (Suo padre le ha fatto venire il male di cuore). (da sé)

PANT. Astu magnà gnente?

ROS. Niente affatto... non posso mangiare. (con affanno)

PANT. Cara fia, magna qualcossa, se ti me vol ben, magna per amor de to pare.

ROS. Ma se non posso.

BEAT. Via, mangiate, ve l’ha ordinato il dottor Onesti.

ROS. Ah! mi sforzerò. (un poco ridendo)

PANT. Ti fa bocca da rider, cara? Ti ridi, le mie raìse2? Via, per amor de to pare magna do bocconcini de panadella. Colombina, porta qua la panada, Rosaura la magnerà per amor de so pare.

BEAT. Signor Pantalone, bisogna pensare alla salute della signora Rosaura.

PANT. Ho speso tanti bezzi per ella, e son pronto a spender tutto quello che gh’ho a sto mondo, perché la varissa.

BEAT. Eh, vi vuol altro che medicamenti!

PANT. Cossa ghe vol?

BEAT. Ehi, sentite. (Un marito). (piano a Pantalone)

PANT. Eh siora, compatime, no savè cossa che ve disè. Subito che una putta gh’ha mal, ghe vol el mario? Poverazza! maridarla co sto boccon de mal, acciò che la mora? Se la va via da so pare, la mor subito. N’è vero, vita mia, ti vol star co to pare?

ROS. Ahi, ahi, mi sento morire!

PANT. Presto, presto, fia mia, tiò, nasa3. Vedeu, se no la gh’avesse so pare? Un mario no starave miga a farghe la guardia, co ghe vien mal. Poverazza! la gh’ha bisogno del so povero pare.

BEAT. (Oh quanto è buono questo vecchio!) (da sé)

 

 

 





p. -
2 Raìse non vuol dire che radice, ma si usa in questa frase, come se si dicesse vita mia, radice, sostegno della mia vita.



3 Le da' qualche cosa da odorare.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License