Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Il dottor Merlino, Tarquinio e detto.

 

MERL. Caro signor Tarquinio, l’avete fatta bella. Per fare a modo vostro, ho fatto cavar sangue a quel poveruomo, e dopo la cavata di sangue ha peggiorato.

TARQ. Vi vuol pazienza; sono accidenti che accadono. Anch’io l’altro giorno, per eseguire un vostro ordine, cavai sangue a quel mercante, tuttoché non ne avesse bisogno.

MERL. E se quel povero garzone di stalla morisse per cagion vostra?

TARQ. Nessuno dirà che sia morto per questo.

MERL. Pur troppo, quando un ammalato muore, si dice ch’è stato il medico che l’ha cacciato sotterra; e se guarisce, ch’è risanato non per cagione del medico, ma per la gioventù, per la buona complessione, per qualche stella, per qualche favorevole pianeta che l’ha soccorso.

TARQ. Ma con tutto questo, tutti quelli che si ammalano, chiamano il medico.

MERL. È vero. Ma in oggi il medico non è più nella estimazione di prima. Non si obbedisce e non se gli crede.

TARQ. Si paga? Se si paga, basta.

AGAP. Come! Il Can de’ Tartari (s’alza) vuole che il principe della China ripudi la sposa? Ah cane, veramente cane! Povera principessa! Ripudiarla? Perché sposi una tua figlia? una tua bastarda? No. Giuro al cielo, non la ripudierà; non la ripudierà. (passeggia)

MERL. Signor Agapito...

AGAP. Non la ripudierà...

TARQ. Che cosa avete, signor Agapito?

AGAP. Non la ripudierà.

MERL. Che cosa vi è di nuovo?

AGAP. Sposar la figlia del Cane!

MERL. La figlia di un cane?

AGAP. Signor sì, del Cane, signor sì.

MERL. Ma chi è questa figlia del cane?

AGAP. Avete letto i foglietti?

MERL. Io non leggo foglietti.

AGAP. Sì? Li avete letti?

MERL. No, no, vi dico. (forte)

AGAP. Via, via, non gridate, non son sordo. Se non li avete letti, non parlate; non sapete niente. E voi li avete letti? (a Tarquinio)

TARQ. Signor no. (forte)

AGAP. Povera gente! Non sapete niente. Maledetto Cane! Disfar un matrimonio? Orsù, sinora sono stato neutrale, ma in oggi mi dichiaro. Son China, son China, son Mogol, son China. Sì, contro il Cane. Ho tanta rabbia contro il Cane de’ Tartari, che non voglio più veder cani.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License