Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Il dottor Onesti solo.

 

ONES. Poveruomo! Mi fa pietà. Getta via il suo denaro, e certamente la sua figliuola non ha verun male. Ella è innamorata, e se mi riuscisse scoprire chi sia il suo amante avrei trovata la medicina sicura per guarirla. Spero che saprò tutto dalla signora Beatrice. A me suol dare delle occhiate languide e appassionate, ma le considero come di una supposta inferma, che al medico si raccomanda. Non credo mai ch’ella sia innamorata di me. Se ciò potessi suppormi, lascerei subito di visitarla, perché non s’avesse a dire che, col pretesto della mia professione avessi io sedotta la figlia d’un galantuomo. Son un uomo d’onore, che antepone il proprio decoro a qualunque interesse di questo mondo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License