Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Pantalone, Rosaura, Beatrice e Colombina.

 

BEAT. Animo, animo; principia a rinvenire.

COL. Via, via, non è nulla.

PANT. Fia mia, fia mia.

ROS. Oimè! Dove sono?

PANT. Care le mie raìse? Cossa te sentistu, vita mia?

ROS. Ahi, il mio povero cuore!

PANT. Via, sollevete un pochetto. Levete suso, chiappa un poco de aria. Agiutela, creature, agiutela.

ROS. (S’alza) Oimè! Non posso star in piedi.

PANT. Tiremola più avanti, che l’aria da quel balcon no ghe fazza mal. (tira avanti una sedia, e Rosaura, sostenuta da Beatrice e Colombina, va a sedere)

ROS. Il medico; dov’è il medico?

PANT. Vustu el miedego? Adesso subito lo anderò a cercar.

ROS. Voglio il dottor Onesti.

PANT. Sì, lo cercherò, ma se no lo trovo, manderò qualcun altro. Senza miedego no vôi che la staga. Se vien i miedeghi, lassè che i scriva; se vien sior Agapito, diseghe che el se ferma. Se el la trova in accidente, che el ghe metta i vessiganti; se vien el chirurgo, che el ghe cava sangue; se vien el spargirico, che el ghe daga qualcossa per bocca. (va e torna) Oe, se vien la zavattera, che la ghe onza le siòle dei piè. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License