Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Rosaura, Beatrice e Colombina.

 

BEAT. Povero vecchio! il dolore lo fa impazzare.

COL. Con tanti medici, con tanti imbrogli, vuol rovinare questa povera giovane.

ROS. Signora Beatrice, il dottor Onesti non verrà più a visitarmi?

BEAT. Così ha egli detto.

ROS. Oimè! (in atto di svenire)

COL. Eh, che verrà. Ha detto a me che verrà.

ROS. Ha detto che verrà? (respirando)

COL. Sì, in verità; l’ha detto.

ROS. Quando?

COL. Poco fa, che l’ho incontrato per la strada.

ROS. Dopo che ha parlato colla signora Beatrice?

COL. Sì, dopo, dopo.

ROS. Sentite, signora Beatrice? Il dottor Onesti verrà.

COL. (Dite di sì). (piano a Beatrice)

BEAT. Sì, sì, verrà.

ROS. Par che lo diciate per forza: verrà o non verrà?

COL. Se vi dico che verrà.

ROS. E voi che dite? (a Beatrice)

BEAT. Dico anch’io che verrà.

ROS. Oimè! respiro.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License