Carlo Goldoni
La finta ammalata

ATTO TERZO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Rosaura, Beatrice, il dottor Onesti, Pantalone e Colombina.

 

PANT. Adesso me n’accorzo che l’è matto.

ONES. E voi vi siete per tanto tempo fidato di lui.

PANT. Fia mia, ghastu più mal?

ROS. Non sono ancora risanata del tutto.

PANT. Via, via, el sior dottor finirà la cura.

BEAT. Cara signora Rosaura, ora che vi vedo lieta e contenta, torno a casa mia, consolandomi delle vostre felicità.

ROS. Sono molto tenuta all’amore che voi avete per me.

COL. Ho imparato anch’io a prender marito a forza di svenimenti.

ONES. Sì, queste cose da voi altre donne s’imparano facilmente. Vorrei piuttosto che tutti voi dagli accidenti di questo giorno imparaste che molti mali provengono dall’opinione, che vi sono degl’impostori e degl’ignoranti; ma che senza paragone è maggiore il numero de’ medici dotti, sinceri ed onesti.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License