Carlo Goldoni
Il frappatore

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Camera in casa di Fabrizio.

 

Rosaura ed un Servitore

 

ROS.

Oh, questa cosa m’incomoda. Il signor veneziano potrebbe tornare. L’ho io da ricevere così sola? Non vi è mio zio... Ma egli mi ha detto appunto che io lo tratti con cortesia; lo crede per me un buon partito ed io non voglio se non quello ch’ei mi consiglia. Lo riceverò dunque. Ditegli ch’è padrone. (al Servitore, che parte) Il signor Florindo ci patisce un poco, ma che serve? egli non è al mio caso. Penso a star bene, se posso, e non m’importa di lasciar Roma. Il signor Tonino è un po’ scioccarello, ma questo suo difetto non mi darà grande incomodo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License