Carlo Goldoni
Il frappatore

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Tonino, poi Ottavio

 

TON.

Sta volta bisogna chiamar i spiriti a capitolo. Ghe vol coraggio e franchezza. Ghe parlerò civilmente e con pulizia.

OTT.

Signor Tonino, preparatevi subito, che dobbiamo partire.

TON.

Con vu, sior Ottavio, no vegno altro.

OTT.

Perché?

TON.

Ve lo dirò civilmente e con pulizia. Da vu no vôi altro, perché un frappador, che vol dir un razirador, un omo de cattivo costume e de mala fede.

OTT.

A me questo? (con isdegno)

TON.

Ve n’aveu per mal? Ve lo digo con civiltà.

OTT.

Così si parla meco? Asino impertinente.

TON.

Tolè, el va in collera.

OTT.

Non so chi mi tenga, che non vi dia tanti calci, quanti ne potete portare.

TON.

Se me darè, chiamerò sior Fabrizio.

OTT.

È egli quello che vi ha consigliato a parlarmiindegnamente?

TON.

Sior sì, ma nol dise miga per offenderve; el lo dise per ben.

OTT.

Vi pare piccola offesa dirmi frappatore, raggiratore, uomo cattivo e di mala fede? Giuro al cielo, me ne farò render conto. Ma vorrei sapere da voi, bestia ignorantissima, a che motivo vi ha egli detto questo di me.

TON.

Mo via, no stè andar in collera. Ve digo che el l’ha dito per ben. El dise cussì, che vu quello... Ma no vu, che mio barba xe un poco de bon, e che vu un galantomo, ma che coi mi bezzi e co la mia roba volè mantegnir la donna, el zogo e tutti i vostri vizietti.

OTT.

Ha detto questo?

TON.

Sior sì. Xele mo cosse da andar in collera?

OTT.

(Ho capito; per me la cuccagna è finita. Partirò solo). (da sé)

TON.

Via, femo pase. Co me marido, sarè mio compare.

OTT.

Sarò un malanno che vi colga fra capo e collo. Andate al diavolo, dove volete, che di voi non voglio altri pensieri. (in atto di partire)

TON.

Me lasseu cussì?

OTT.

Sì, vi lascio per non vedervi mai più.

TON.

Mi resto a Roma. (ridendo)

OTT.

Restate, burattino mal fatto.

TON.

E vu dove andeu?

OTT.

Dove voglio.

TON.

Deme i mi abiti, la mia roba e i mi bezzi.

OTT.

Che abiti? che danari? Voi non avete niente del vostro. Son creditore del viaggio, e se non mi pagherete, vi farò metter prigione.

TON.

Poveretto mi! agiuto, zente, el me vol far metter in preson.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License