Carlo Goldoni
Il frappatore

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Ottavio, il Servitore e detti.

 

OTT.

(Costei mi perseguita). (da sé)

FABR.

Signor Ottavio, conoscete questa signora?

OTT.

Così non la conoscessi.

BEAT.

Qual motivo avete di dolervi di me?

OTT.

Ne ho cento dei motivi.

FABR.

O via, tutti i mariti hanno da soffrir qualche cosa dalle loro mogli, e le mogli non meno dai loro mariti. Scordatevi di ogni cosa, e in grazia mia ripigliatevi la vostra sposa, e partite di Roma unitamente, di buon amore.

OTT.

A riguardo vostro voglio fare quest’ultimo sacrifizio.

FABR.

E voi siate docile e sofferente. (a Beatrice)

BEAT.

Non gli darò motivo di lamentarsi.

FABR.

Se avete fatto qualche passo falso contro di lui, correggetelo fin che vi è tempo.

BEAT.

È necessario ch’egli faccia quello che gli dirò, perché mi rimova da quel che ho fatto.

OTT.

E che faceste, signora?

BEAT.

Ve lo dirò fra voi e me.

FABR.

Andate , in quella camera. Parlate con libertà fra di voi, e dove possa impiegarmi a pro vostro, lo farò volentieri.

BEAT.

Venite, signor Ottavio, che tutte le cose si aggiusteranno. (parte)

OTT.

necessario il fingere, per liberarmene più facilmente). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License