Carlo Goldoni
Il giuocatore

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO SECONDO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Strada con casa di Pantalone

 

Florindo e Brighella

 

FLOR. Caro Brighella, non mi abbandonate. Ho bisogno di voi.

BRIGH. La gh’ha bisogno de mi? La comandi. (sostenuto)

FLOR. Che c’è? Siete in collera?

BRIGH. Mi ghe son servitor. Cossa me comandela? (come sopra)

FLOR. Ma non volete compatire un povero galantuomo, che in un’ora perde quattrocento zecchini?

BRIGH. Se lo compatisso? E come!

FLOR. Nel vostro casino avrete pur vedute delle stravaganze dai giuocatori.

BRIGH. Oh, se ghe n’ho visto!

FLOR. Non vi ricordate di quello che l’altro giorno ha gettata la parrucca fuori della finestra?

BRIGH. Oh, quello el ghe n’ha fatte de belle. Un zorno l’ha taià un otto in bocconcini, e el l’ha bevudo in t’una chiccara da caffè.

FLOR. Io voglio bere il sette.

BRIGH. Mi ghe dago un conseio, da so bon servitor. La lassa star de zogar.

FLOR. Se posso rifarmi de’ miei zecchini, non giuoco mai più.

BRIGH. Dusento ghe n’ho , onde no ghe ne resta altro che tresento.

FLOR. E li ho in questa borsa per rifarmi.

BRIGH. Diseva ben quel padre: no me despiase che mio fio abbia perso, ma me despiase che el se vorrà refar.

FLOR. Per ora non penso al giuoco. Penso a riconciliarmi col signor Pantalone, a giustificarmi colla mia cara Rosaura.

BRIGH. Quel che è più difficile, l’è placar el sior Pantalon.

FLOR. Se potessi parlar alla signora Gandolfa, zia di Rosaura, spererei col suo mezzo di accomodarla. Ella mi vuol bene e vuol bene a Rosaura ancora, e sopra l’animo di suo fratello potrà più d’ogni altro.

BRIGH. Qua no gh’è altro che provarse d’andar in casa.

FLOR. E se vi è il signor Pantalone?

BRIGH. Se informeremo, e se el gh’è, volteremo bordo.

FLOR. E se viene, e mi trova?

BRIGH. Co siora Gandolfa dise dasseno, l’aggiusterà tutto.

FLOR. Via, proviamo d’entrare in casa.

BRIGH. La lassa far a mi, batterò, e procurerò de veder Colombina.

FLOR. Caro Brighella, a voi mi raccomando.

BRIGH. Vado subito.

FLOR. Dite, dite, come staremo di vino a pranzo?

BRIGH. A pasto ghe darò del Padoan prezioso, e po ghe sarà del vin marzemin, del vin de Cipro, e una bottiglia de Canarie.

FLOR. A quei due forestieri che mi hanno vinto, bisogna dar bene da bere, acciò si scaldino un poco la testa e giuochino con dell’allegria.

BRIGH. Cussì i guadagnerà più presto.

FLOR. Ma voi mi odiate, mi perseguitate, mi vorreste vedere in camicia.

BRIGH. Anzi parlo, perché gh’ho premura del so ben, e no vorria che el perdesse.

FLOR. Perdo forse qualche cosa del vostro?

BRIGH. La gh’ha rason. La zoga, la perda, mi no parlo mai più. Vólela che batta?

FLOR. Sì, battete e spicciamoci, perché non mi voglio far aspettare al casino.

BRIGH. (Nol gh’ha altro in tel cor che el zogo). (da sé) Oh de casa. (batte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License