Carlo Goldoni
Il giuocatore

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Camera di Rosaura

 

Rosaura e Colombina

 

ROS. Tu mi vai rompendo il capo, tu vuoi che Florindo giuochi, ed io ti dico che non giuoca più.

COL. Come potete assicurarvi che non giuochi più?

ROS. Me l’ha promesso, me l’ha giurato. Mi vuol bene e non giuocherà più.

COL. Eppure or ora mi voleva donare un zecchino, s’io gli davo un punto da vincere.

ROS. Non vedi, scioccherella, ch’ei scherza? Credi tu, se dicesse davvero, ch’ei ti volesse dare un zecchino per un punto che lo potrebbe far perdere?

COL. Basta, ve n’accorgerete voi.

ROS. Orsù, non mi star a parlare di queste cose.

COL. Io ne so un’altra, ma non ve la dico per non inquietarvi.

ROS. Che cosa sai? Cara Colombina, dimmela, ti prego.

COL. Già, se ve la dico, non la crederete.

ROS. Se me la dici tu, la crederò.

COL. Egli ha l’amicizia di una cantatrice.

ROS. Via, questo non può essere.

COL. Ve lo dico con fondamento.

ROS. Sei una pettegola, non può essere.

COL. Ecco qui, questo me l’aspettava.

ROS. Ma se dici cose che non si possono credere.

COL. È cosa strana che un uomo abbia un’amicizia?

ROS. L’amore che Florindo mostra avere per me, mi assicura ch’egli non l’abbia.

COL. Lo vedremo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License