Carlo Goldoni
Il giuocatore

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Florindo e Gandolfa.

 

FLOR. Finalmente è andato.

GAND. Il vecchierello è andato. Venite qua, il mio caro Florindo, sedete vicino a me. Quando vi vedo, mi consolo; sono un poco vecchia, ma mi piace la gioventù.

FLOR. Siete stata sempre briosa, e lo sarete sino che viverete.

GAND. Oh figlio mio, se mi aveste conosciuta trent’anni sono! Se mi aveste veduta! Non vi dico altro.

FLOR. Ancora vi conservate bene.

GAND. Sono avanzata negli anni, ma in certe cose non la cedo ad una giovane.

FLOR. E quali sono queste cose?

GAND. Eh furbettaccio, vorreste che vi facessi ridere.

FLOR. Fatemi il piacere, spiegatevi.

GAND. Via, non mi fate venir rossa.

FLOR. Orsù, per non farvi arrossire, mutiamo discorso. Io ho bisogno di voi, signora Gandolfa.

GAND. Che cosa volete da me, caro Florindo?

FLOR. Ho bisogno di un favor grande.

GAND. Sì, figlio mio, quel che posso, lo farò volentieri.

FLOR. Ho bisogno di cinquanta zecchini.

GAND. Uh, uh, dove ho io tanti denari? Cinquanta zecchini? Dove volete che io li trovi?

FLOR. Via, cara signora Gandolfa, so che ne avete.

GAND. Vi replico che non ne ho.

FLOR. Avete tremila ducati l’anno d’entrata. Voi non ne spendete nemmeno mille.

GAND. Sì, tremila ducati, ma non riscuoto le pigioni delle case, i poderi non fruttano, non posso riscuotere i censi e non si tira un soldo.

FLOR. Dunque non avete denari?

GAND. Non ne ho, figlio mio, non ne ho.

FLOR. Pazienza! Perdonate l’incomodo. (s’alza)

GAND. Così presto partite?

FLOR. Bisogna ch’io vada in qualch’altro luogo a procurarmi questi cinquanta zecchini.

GAND. Dove anderete?

FLOR. Anderò dalla signora Pasquella, la quale è una buona vecchietta amorosa, che mi vuol bene, e se le farò quattro finezze, mi darà i cinquanta zecchini.

GAND. Vi darà i cinquanta zecchini?

FLOR. Sicuramente.

GAND. Ma le farete quattro finezze.

FLOR. Oh, è giusto.

GAND. A me, per altro, non le avete fatte.

FLOR. Se credessi che le gradiste, ve le farei.

GAND. Da voi, figlio mio, prendo tutto.

FLOR. Cara la mia nonnina.

GAND. Nonna mi dite?

FLOR. Per finezza.

GAND. Oh che finezza magra! Non ne sapete fare delle migliori?

FLOR. Ma io perdo il , ed ho premura dei cinquanta zecchini; signora Gandolfa, vi riverisco.

GAND. Aspettate, aspettate; sentite, figlio mio, cinquanta zecchini non li ho, ma se vi premono, li troverò.

FLOR. Oh il ciel volesse! Mi fareste il maggior piacere del mondo.

GAND. E poi mi vorrete bene?

FLOR. Tanto.

GAND. Andrete dalla signora Pasquella?

FLOR. Non vi è pericolo.

GAND. Le vostre finezze di chi saranno?

FLOR. Tutte vostre.

GAND. Ah furbetto! mi burlerete.

FLOR. No, cara signora Gandolfa, non vi burlerò. (Mi sento che non posso più). (da sé)

GAND. Volete li cinquanta zecchini?

FLOR. Non vedo l’ora d’averli.

GAND. Che cosa poi ne farete?

FLOR. Ho da depositarli per una lite.

GAND. Ah, voi li giuocherete.

FLOR. Non vi è pericolo.

GAND. Voi li giuocherete.

FLOR. Orsù, vado via.

GAND. Fermatevi, aspettate, prendete; per voi mi cavo un gallone. (si leva dal fianco un rotolo, con dentro delli zecchini) (Ah, mi piange il cuore, mi porta via le viscere. Ma Florindo è tanto leggiadro, che non posso far a meno di consolarlo). (da sé)

FLOR. (La vecchina ci è cascata. Non vedo l’ora di poter giuocare e rifarmi). (da sé)

GAND. Florindo. (con qualche mestizia)

FLOR. Signora.

GAND. Ah! Questi sono li cinquanta zecchini.

FLOR. Oh cara mamma!

GAND. Prendete. (Mi vien voglia di piangere). (da sé)

FLOR. Vi sono tanto obbligato.

GAND. Via, mi fate una finezza?

FLOR. Volentieri. Oh, ecco vostra nipote.

GAND. Dove?

FLOR. Ecco la signora Rosaura.

GAND. Venite qua, sentite.

FLOR. Un’altra volta.

GAND. Venite qua, cane, venite qua.

FLOR. Un’altra volta, un’altra volta. (Eppure è vero, il giuocatore trova sempre denaro). (da sé, parte)

GAND. Come! Così mi pianta? Nel più bello va via? Ah poveri miei zecchini!

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License