Carlo Goldoni
Il giuocatore

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Camera da giuoco nel casino

 

Florindo solo, poi Lelio, Tiburzio e servitore

 

FLOR. Fino che non mi sono rifatto della mia perdita, è impossibile ch’io ritrovi quiete. Amo Rosaura, ma questa volta la passione del giuoco supera quella dell’amore. Con questi cinquanta zecchini mi posso riscattare, se la fortuna lo vuole; e quella buona vecchia che me li ha dati, può essere che sia la mia redentrice. Se guadagno, se mi rifaccio, a quella povera vecchia voglio fare due finezze per gratitudine.

LEL. Signor Florindo, vedete se siamo di parola?

FLOR. Bravi, bravissimi.

TIB. Siamo qui a godere delle vostre grazie.

FLOR. Mi avete fatto piacere. Aspetto degli altri amici, ma non li vedo ancora arrivare. Frattanto che vengono e si mette in tavola, potremmo far due tagli.

LEL. Si potrebbono fare.

FLOR. Ehi, chi è di ? (chiama)

SERV. Comandi?

FLOR. Non si è veduto nessuno di quelli che ho mandato a invitare?

SERV. Sono venuti tutti; hanno aspettato un pezzo, e vedendo che ella non veniva, sono andati via.

FLOR. Sono andati via? Ma è tardi molto?

SERV. Anzi tardissimo.

LEL. Anche noi siamo andati e tornati.

FLOR. Compatitemi; basta, se non vi è nessuno, mangeremo da noi.

SERV. Comanda che si bagni la zuppa?

FLOR. Sì, bagnatela bel bello, e frattanto che la zuppa si prepara, noi faremo due tagli. Portate un mazzo di carte.

SERV. Io non ho le chiavi, e messer Brighella è in cantina.

FLOR. Grand’asino è quel Brighella!

TIB. Se volete far due tagli, vi darò io un mazzo di carte.

FLOR. Sì, sì, date qua. Va via, e quando è in tavola avvisaci. (al Servitore)

SERV. (Giuocherebbe la sua parte del sole). (da sé, parte)

FLOR. Animo, in piedi, in piedi. Ecco qui venti o trenta zecchini; puntate. (fa il taglio)

LEL. Fante.

TIB. Sette.

FLOR. Per carità, non mettete il sette.

TIB. Via, voglio compiacervi. Tre.

LEL. Fante, ho vinto; paroli.

FLOR. Va subito.

TIB. Tre; ho vinto. Tre al resto della banca.

FLOR. Vada. Oh maledetto tre! Eccolo subito! in seconda.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License