Carlo Goldoni
Il giuocatore

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Beatrice, poi Rosaura

 

BEAT. Chi sa dirmi qual senso abbiano le parole di questo perfido?

ROS. (Non posso più trattenermi; la gelosia mi trasporta. Finalmente è una donna, posso arrischiarmi di parlar seco). (esce mascherata dalla camera, dove erasi ritirata)

BEAT. Chi è mai questa maschera?

ROS. Signora, perdonate l’ardire: sapete voi dirmi dove sia andato il signor Florindo?

BEAT. Or ora deve qui ritornare. Ma ditemi, il signor Florindo è qualche cosa di vostro?

ROS. Acciò non facciate sinistro concetto di me, sappiate che egli deve essere mio sposo.

BEAT. Vostro sposo?

ROS. Sì, signora: perché di ciò vi maravigliate?

BEAT. A ragione mi maraviglio, poiché Florindo ha impegnata a me la sua fede.

ROS. Possibile che ciò sia vero?

BEAT. Eccovi la sicurezza di quanto vi dico. Conoscete il carattere di Florindo?

ROS. Ah perfido! Lo conosco pur troppo.

BEAT. Osservate, questa è la scrittura di sua mano formata.

ROS. Ah indegno! Permettetemi ch’io me ne assicuri, e la legga.

BEAT. Leggetela pure quanto v’aggrada.

ROS. Prometto con mio giuramento di sposare la signora Beatrice Anselmi... Oh menzognero! Così mi tradisci? Così inganni una povera sventurata? Anima perfida! Anima scellerata! Potessi lacerare quel cuore infame... (straccia la scrittura)

BEAT. Ehi, che cosa fate?

ROS. Sono accesa di collera; se mi venisse colui davanti, lo vorrei sbranare colle mie mani. (straccia il resto della scrittura)

BEAT. Voi avete lacerata la mia scrittura.

ROS. Compatitemi, la collera mi ha trasportata.

BEAT. Se credessi che potesse esser malizioso il vostro trasporto; se immaginar mi potessi che aveste voluto levarmi di mano la ragione di pretendere sopra il cuor di Florindo, vi farei pentire di un sì temerario attentato.

ROS. No, v’ingannate. Amai Florindo quanto me stessa, l’amai col più tenero amore che amar si possa, ma poiché lo conosco bugiardo, infedele, l’amor mio si è convertito in fierissimo sdegno, e per darvi una riprova della verità, ecco la scrittura di quel perfido mentitore, ridotta in pezzi come la vostra. (straccia la sua scrittura)

BEAT. Vendichiamoci dunque della sua infedeltà coll’abbandonarlo.

ROS. Per me non lo amerò più certamente.

BEAT. Né io sarò più sì debole per credere ad un mendace.

ROS. Eccolo ch’ei .

BEAT. Batte i piedi e si morde le dita.

ROS. Il perfido avrà giuocato.

BEAT. Se ha perduto i denari, ha perduto quanto aveva di buono.

ROS. Ritiriamoci, ed osserviamo che cosa sa fare. (si ritirano)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License