Carlo Goldoni
Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi

PARTE PRIMA

SCENA PRIMA   Buleghin solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE PRIMA

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Buleghin solo.

 

BUL.

Cosa dirastu mai, Bettina cara,

Che tardi son vegnuo a retrovarte?

Za me feguro

De véderla instizzada,

Rabbiosa co è una chizza,

Buttar le bave come fa un serpente,

E dir che ella de mi no pensa gnente.

Ah ziogo maledetto!

Ti xe la mia rovina, te cognosso,

No posso star senza le carte adosso.

Per esser sta fin desso

Al ziogo de bassetta, ho perso i bezzi,

E desgustà Bettina, poveretta!

 

 

 

Sento el ziogo che me chiama,

E Bettina che me brama;

so a chi abbia da badar.

Per un sento - gran tormento,

E per l'altra gh'ò contento:

Gramo mi, cossa oi da far?

 

 

 

Ma pur bisogna

Sforzarse, e far coraggio;

Soffrir con bona pase i so schiamazzi,

E lassarla criar quanto ghe piase,

Che al fin, dopo el crior, se fa la pase.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License