Carlo Goldoni
Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi

PARTE PRIMA

SCENA SECONDA   Bettina e detto.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Bettina e detto.

 

BETT.

Certo che a una bell'ora

A véderme vegnì, sier mandolato;

Credea che in tel caligo

Ve fussi perso, o descolà in tel giazzo.

Al certo gran faccende,

Gran ziri e gran negozi

Bisogna che gh'abbiè in sta cittae.

De mi non ve curè, za me ne accorzo;

Vu gh'avè troppi impegni...

Per no dir troppo, taso,

Ma credi, Buleghin, che la gh'ò al naso.

BUL.

Me stupiva dasseno, in veritae,

Che gh'avesse una volta el gran contento

De trovarte in bonazza;

Ma d'ognora ti xe co fa una bissa,

E ti butti le bave co è una chissa.

BETT.

Sier frascon, senz'inzegno,

Za che volè che diga,

No gh'oi forsi rason de lamentarme?

O pensè che no sappia

La vita che tegnì, e zorno e notte?

So che in tutti i cantoni

Volè far da galante

Con qualche paronzina;

L'altro mi ho savesto

Che fevi el cicisbeo

A Checca, fia de Catte lavandera;

L'avè menada ai freschi in verso sera,

Che ghe facevi drio el cascamorto,

E po avè marendà con ella in orto.

BUL.

Chi t'ha ditto ste ciarle, cara matta?

Me maraveggio ben che ti ghe badi.

Ma se posso saver chi xe ste lengue

Che de panchiane te vien a stornir,

Co un pistolese mi lo vôi sbasir.

BETT.

Che caro sier gradasso inanemao,

Che tutti vuol mazzar, quando che i dise

La veritae che xe schietta e real,

Ma alla fin po restè co fa un cocal.

 

 

 

Vardè che bambozzetto,

Scartozzetto,

Che vuol tutti spaventar!

Ma col sente un po de zente,

El xe el primo a tacchizzar.

 

 

BUL.

No se femo nasar, Bettina cara,

No me far la zelosa, se sta volta

Son vegnù troppo tardi a visitarte.

Ti sa, vissere care,

Quanto che t'amo; né altra donna mai

Mi gh'averò in tel cuor

Che ti, anema mia, raise care;

Donca no me far più la sdegnosetta.

Varda el to Buleghin; batti la lana,

O che me mazzo, al sanguenin de diana.

BETT.

Donca, se no te vardo, ti è ressolto

De volerte mazzar in mia presenza?

Frascon, mi no te credo in mia coscienza. (finge )

BUL.

Ferma, Bettina cara, no andar via,

O del mio cuor fazzo una beccaria. (vuol ferirsi)

BETT.

Distu dasseno, o fastu una mattada,

O qua me vusto far una frittada?

BUL.

No fazzofrittada, né sguazzetto,

Ma vôi cavarme el cuor che gh'ò in tel petto. (vuol ferirsi)

BETT.

Eh sta savio, buffon. Vivi anca un poco,

volerme lassar, pezzo d'aloco.

BUL.

Vivrò, za che til vuol, cara Bettina,

Vivrò come te piase,

Ma con patto, mio cuor, che femo pase.

BETT.

Femo pase, sì, sì. Mi te l'accordo,

Ma con questo però che da qua avanti

Ti lassi andar i vizi.

All'ostaria no vôi che ti ghe vaghi,

Che no ti vardi più nissuna donna.

Vôi che ti lassi el ziogo de bassetta,

Che un zorno me farave poveretta.

BUL.

Ogni trista memoria ormai se tasa,

E se ponga in obrio le andate cose:

M'insegna a dir cussì Torquato Tasso.

T'obbedirò, Bettina, a cao basso.

 

 

BETT.

Ti ha inteso el mio patto:

Sta fermo, sta saldo.

BUL.

Con tutto sto caldo

Te vôi soddisfar.

BETT.

Sta forte in cervello.

BUL.

Te zuro costanza.

BETT.

Se un zorno in sostanza...

BUL.

Vorrem solazzar.

 

a due

Vorrem solazzar.

 



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License