Carlo Goldoni
Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi

PARTE SECONDA

SCENA PRIMA   Bettina vestita da barcariol.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE SECONDA

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Bettina vestita da barcariol.

 

BETT.

Cossa mai fastu far, Cupido infame?

Quante invenzion e quante furbarie

No vastu suggerindo ai to seguazi?

Quante istorie gh'è mai? Ti xe per tutto,

Per tutto se menzona el to gran nome,

In somma ti fa far a tutto el mondo

Spropositi bestiai senza retegno.

Son costretta anca mi far co fa i altri,

Sol per ti, Buleghin, che t'amo tanto.

Ti m'ha promesso, è vero, de obbedirme,

Ma troppo no me fido

Dei zuramenti e delle to promesse;

Me son giusto per questo

Da barcariol vestia

Per volerme chiarir con la presenza,

E veder se ti xe fermo e costante,

Se da ponente ti è, o da levante.

 

 

 

La zelosa sempre cerca

De trovar in qualche intrigo

Quel so caro, quel so amigo,

Per poderlo maltrattar.

Ma ben spesso la se falla,

Ché la balla

Senza mai trovar intoppo

Torna indrio de galoppo

E fa el muro rebombar.

 

 

 

Pur troppo se pol dar che me succeda

De trovar quel che cerco,

E che trovà che l'abbia,

Me penta po d'aver recercà tanto.

Mi cerco Buleghin fido e costante,

Mi el cerco senza vizi e pien d'inzegno,

Ma tal mai no lo trovo,

Se nol fo far de legno. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License