Carlo Goldoni
Il gondoliere veneziano ossia gli sdegni amorosi

PARTE SECONDA

SCENA SECONDA   Buleghin, poi Bettina.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Buleghin, poi Bettina.

 

BUL.

Cossa ghe possio far? Anca sta volta

Ghe son cascà, senza che me ne accorza.

Ma se l'ultimo taggio

Me andava ben, mi me reffava certo.

In fin tutto xe andà: son in malora,

Ho perso i bezzi, el bollo, e l'arecordo.

Tutto ho ziogà: fin el feral de barca;

Che se 'l paron lo sa, el me manda via.

Ma se avessi badà alle parole

Della mia cara Betta, no sarave

In stato come son de desperarme.

Mi no gh'ò muso

so come mai far, andarghe inanzi;

Perché s'ella me vede

Senza i anei in deo, la se ne accorze.

Allora sì che in bocca al gatto è 'l sorze.

BETT.

Compare, cossa xe? Se mi no fallo, (avanzandosi)

Me par véderve in oca; e zurerave

Che pensè alla regata

Che presto se ha da far in Canalazzo.

Vu certo ve messo, e pentio

Perché forsi ve manca un bon compagno.

Se questo xe, fradel, feve coraggio

Che son qua mi per farve aver el primo;

E se tegnirme drio vu ve impegnè,

El porchetto sarà de chi lo vuol,

El bon premio avrè vu, mi ve lo zuro,

Che in gondola a do remi, ho una vogada

avalìa e destesa,

Che el mio provier no fa gnente fadiga:

E po quando so in poppe,

E che gh'ò el remo in man, sto forte e saldo;

E senza mai staccarme vago via

Infin che nu zonzemo alla stalia.

BUL.

Compare, a quel che sento, vu franco

E de barca a menar vu gh'avè el primo;

Ma 'l pensier de regata no me afflize

Né l'arte del vuogar me tormento.

Una mazor passion mi gh'ò qua drento.

BETT.

Cossa gh'aveu mai,

Se dir se puol a un vostro zenso,

Che mi tal me ne vanto;

E se posso giovarve in qualche conto,

Disème, comandè, che sarò pronto.

BUL.

Vu gavè un cuor, fradel, troppo amoroso

E obrigarme cerchè, co dise quello

Al grand'Argante, quando per Olindo

El manda a desfidar el bon Tancredi;

E sì ben che el mio mal no gh'à remedio,

Ve vogio dir almanco la so .

Gh'ò do tormenti al cuor che lo trafize,

Gh'ò 'l ziogo e gh'ò l'amor che me impazzo.

BETT.

(Che gran furbazzo!)

BUL.

Ma quel che pezo xe, l'è che a Bettina,

Al mio cuor, gh'ò promesso

De no ziogar mai più; anzi ò zurao.

E po 'l diavol infame per gabarme

Al ziogo el m'à portà a no voggiando:

Gh'ò lassa i bezzi, i anei, anca el feral;

E se Betta lo sa, l'avrà rason

De dirme disgrazià, furbo, baron.

BETT.

(El gramo xe vegnuo zo col brenton;

Ma una prova vôi far, se la me riesse).

Fe una cossa, fradel, lassè Bettina

E tendè al ziogo, che una volta o l'altra

Fortuna vegnirà colla segonda,

Che se la ve se mostra un pietosa,

Meggio de Betta troverè morosa.

BUL.

Sangue de diana!

Me l'avè fatta dir, caro compare!

Che mi lassa Bettina?

Che mi lassa el mio cuor? Nol sarà mai:

Piuttosto vôi lassar de star al mondo;

Mi lasserò el paron, lasserò i vizi,

Sì, lasserò le man, la testa, el naso,

Ma che lassa Bettina no ghcaso.

 

 

 

Bettina, lassarte,

Né mai sbandonarte?

Più tosto me voggio

Strazzar sto mio cuor;

Gh'ò in odio la vita,

Za sento la fita,

La piaga crudele

Che m'à fatto amor.

 

 

BETT.

(Gramo, el me fa peccà). In veritae

Tanto ben ghe volè a sta Bettina,

E po la desgustè cussì per puoco?

Scuseme, zenso car, vu un aloco.

BUL.

Ah? che pur troppo el so per mia desgrazia.

Ma ve zuro, fradel, se mai più ziogo,

Che me possa brusar drento del fuogo;

E se mai più desgusto la mia Nina,

Me frusta el bogia, e po vaga in berlina.

BETT.

Ah Buleghin baron! perché mai vustu

Chiamarte tanto mal, se za Bettina

Te perdona el to fallo anca sta volta?

Vàrdeme, Buleghin; no ti cognossi

La to Betta vestia da barcariol?

Sì, sì, son quella

Che ho scoverto bel bel la baronada;

Giudizio in avegnir... L'ho perdonada.

BUL.

Che stravaganza è questa? E dove songio?

Se dorma mi non so, o pur se veggia!

Che caso, che stupor, che maraveggia!

Ah sì che ti xe Betta, te cognosso.

Perdóneme, mio cuor, anche sta volta,

E se de castigarme ti ha piaser,

Per castigo deventa mia muggier.

BETT.

Sì sì, in fede la man te do, cuor mio:

To muggier mi sarò, ti mio mario.

 

 

 

Caro ti, no ziogar tanto,

Mi te prego, el mio tesor.

BUL.

El mio ziogo sarà quanto

De Bettina xe l'amor.

BETT.

No me dar più sto tormento.

BUL.

Te darò, mio ben, contento.

BETT.

Te prometto in recompensa...

BUL.

Mi te zuro in mia conscienza...

BETT.

BUL.

} a due

Tutto too sarà 'l mio cuor.

 

Fine dell'Intermezzo


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License