Carlo Goldoni
La guerra

ATTO SECONDO

SCENA NONA   Campo di battaglia con veduta della fortezza assediata con bandiera bianca, e la breccia aperta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Campo di battaglia con veduta della fortezza assediata con bandiera bianca, e la breccia aperta.

 

 Il campo è intieramente ingombrato, come segue. Un manzo scorticato ed aperto  attaccato a' legni. Un carro con una botte di vino. Una o due some con fruttierbaggi ecc. Una tavola con Soldati che mangiano e bevono; e Soldati, Paesani e Donne  che ballano. Soldati che vendono e comprano, altri che cavano il vino dalla botte ecc. Don Cirillo, Un Aiutante Con un Trombetta e Soldati

 

TROM. (Suona. Tutti si fermano ad ascoltare)

AIUT. D'ordine di Sua Eccellenza il signor General Comandante, si sbarazzi immediatamente il campo per dar luogo all'erezion delle tende.

CIR. Animo, presto, sbarazzate il campo. Per qual motivo vuole il Generale che si erigano qui le tende? (all'Aiutante)

AIUT. Deve abboccarsi col comandante della fortezza assediata, per trattar di capitolazione, e vuol riceverlo qui, a vista di tutto l'esercito.

CIR. E il comandante nemico verrà qui in persona a trattare?

AIUT. Cosí è, cosí hanno stabilito di fare. Ma che si fa? non si obbedisce al comando? Soldati, fate voi sbarazzare. (a' suoi Soldati; e parte con don Cirillo)

 

Suonano i tamburi; i Soldati dell'Aiutante si avanzano per far eseguire. Portano via ogni cosa con confusione e rumore; si rovescia la tavola, cadono le some. I Paesani gridano, e i Soldati bastonano. Liberato il campo, al suono di tamburi vengono altri Soldati a piantare il padiglione del Generale con due sedili.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License