Carlo Goldoni
La guerra

ATTO TERZO

SCENA QUARTA   Don Faustino, poi donna Aspasia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Don Faustino, poi donna Aspasia

 

FAU. Come mai si può vivere fra tanti affanni? Oh cieli, come potrò io salir quelle mura, se mi palpita il cuore, se il piè vacilla, se mi trema la mano?

ASP. Signor alfiere, appunto di voi cercava.

FAU. Deh lasciatemi in pace.

ASP. Voleva dirvi, che quel che lasciaste in mano di donna Florida, fu da me custodito.

FAU. Non m'inquietate per carità.

ASP. Non volete la scatola, l'orologio, gli anelli?

FAU. (Ora conosco qual sia la forza d'amore).

ASP. Non li volete?

FAU. (No; non è possibile ch'io resista).

ASP. No? avete detto di no? Se non li volete, li terrò lo. Ma ripigliate almeno il vostro danaro.

FAU. (, il mio dovere mi sprona).

ASP. ? Eccolo. (gli vuol dare la borsa)

FAU. Ma lasciatemi, non mi stancate, non mi fate uscir di me stesso. (ad Aspasia)

ASP. Se non volete, lasciate stare; ma che dirà donna Florida?

FAU. Ah! dov'è donna Florida?

ASP. Dov'è donna Florida?

FAU. Non è partita col padre?

ASP. Col padre?

FAU. Non lo vedeste il di lei genitore?

ASP. Dove?

FAU. Qui, in questa stanza.

ASP. Ditemi, don Faustino, ci sarebbe pericolo che l'amore vi rivoltasse il cervello?

FAU. Ma dove foste finora?

ASP. Sono stata alla bottega di certa Orsolina, a provvedere dei nastri.

FAU. Non lo sapete dunque quel ch'è accaduto?

ASP. Non so nulla; raccontatemi.

FAU. Venuto è qui, non so come, il padre di donna Florida.

ASP.. Oh capperi!

FAU. Ha scoperto gli amori nostri.

ASP. Eh! cosa mi dite!

FAU. Ed ha condotto seco la figlia,

ASP. Oh che caso, oh che disgrazia! oh che grand'accidente!

FAU. Donna Aspasia, non so se mi deridiate.

ASP. Non rido, signore; ma in verità non posso poi nemmen piangere.

FAU. Ah , avete l'animo avvezzo alle crudeltà.

ASP. , credo di essere piú guerriera di voi.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License