Carlo Goldoni
La guerra

ATTO TERZO

SCENA QUINDICESIMA   Donna Aspasia e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Donna Aspasia e detti

 

ASP. Ah Eccellenza, mi è stato detto l'accidente di mio padre. Io non dirò, se sia giusta o ingiusta la sua disgrazia; so bene ch'io resto una miserabile, e che non so qual abbia da essere il mio destino. (a Sigismando)

SIG. So che ci siete, ed ho pensato già a provvedervi. Maritatevi, e dai beni di vostro padre farò io che si estragga la dote.

POLID. Ma, signor Generale...

SIG. Tacete.

POLID. Benissimo. (parte)

ASP. Ringrazio la carità di Vostra Eccellenza. Voglia il cielo che presto mi si presenti qualche partito.

CIR. Eccomi; son qua io. (ad Aspasia)

ASP. Grazie. Non mi comoda uno stroppiato.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License