Carlo Goldoni
Lugrezia romana in Costantinopoli

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Mirmicàina e Ruscamar

 

MIRM.

Orsù, l'aspetterò, ma voggio intanto

Provar se saverò far da regina.

Vôi sentarme un pochetto. Oh che cussin

Morbido e molesin! Fin che l'aspetto,

Poderave quassù far un sonnetto.

RUSC.

Uhi, Mirmicàina, no me cognossir?

MIRM.

Coss'è sta Mirmicàina? Che maniera

Xe questa de parlar? Oe dimme, avemio

El cebibo magnà forsi in baretta?

RUSC.

Perché star in favor de gran segnure,

Aver tanta superbia? Ti star schiava

Come le altre; mi t'aver ligada;

Mi aver cambià to nome: Mirmicàina

Adesso star, ma prima star Fiorina.

MIRM.

Quel che xe stà, xe stà: mi son regina.

RUSC.

Via, se ti star regina, e mi aver gusto:

Ma se po Albumazar

Te no volesse più,

Recòrdete, mia cara,

Che mi te voler ben, che Ruscamar

So cor per amor to sente brusar.

 

Quel viso tondo

Star cussì caro,

Che in tutto el mondo

Mai più veder.

Star bianca e bella,

Occhio aver moro,

Come una stella

Tanto lusér. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License