Carlo Goldoni
Lugrezia romana in Costantinopoli

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Mirmicàina sola.

 

 

Va via, tocco de sporco;

Adesso che mi son regina in regno,

De sta zente incivil più no me degno.

Ma come oggio da far

A trattar da regina? Figuremose

Che vegna un cavalier, e ch'el me diga:

Maestae, me raccomando

Alla so cara grazia. Mi bisogna

Che presto ghe responda:

La me comanda in te le congionture;

Patron, sior cavalier,

La reverisso infina alle gionture.

E vu, cossa diseu,

Care mie scarabazze?

No gh'oi bella fegura?

Vardè che maestà, vardé che grazia!

Certo no ve minchiono,

Propriamente son nata per el trono.

 

Son nassua con tanta grazia

Che compagna no se .

Se cammino son maestosa,

Se mi parlo son vezzosa,

Innamoro quando canto,

E co ballo ancora più.

Per averme in so consorte

Tutti i re farave guerra.

No ghe xe sora la terra

Altra donna de sta sorte;

Valo assae più d'un Perù. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License