Carlo Goldoni
Lugrezia romana in Costantinopoli

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Cortile contiguo agli appartamenti di Albumazar, che conduce a quelli di Ruscamar, e alle carceri.

 

Maimut fra Guardie, poi Albumazar.

Maimut con impeto si scioglie dalle Guardie, le quali fuggono.

 

MAIM.

Assembrachin Sciallai

Brinecamà Valcai. (in atto di partire s'incontra in Albumazar)

ALB.

Fermati, temerario.

Dove rivolgi il piede?

MAIM.

Temerario star ti: perché bolir

Che mia testa taggiar?

ALB.

Il comando obbedisci,

E di più non ardir di ricercar.

MAIM.

Voler far festa a mi,

E mi testa voler taggiar a ti. (sfodra la sciabla)

ALB.

Ferma.

MAIM.

Mori.

ALB.

Piglia.

MAIM.

Para.

ALB.

Cedi.

MAIM.

Cadi.

ALB.

Cane.

MAIM.

Bestia.

a due

Questo colpo

Viene a te.

MAIM.

Ahimè... cascar...

Mio passo... vacillar...

Morir... sbasir...

Vegnir... voler...

Tornar... ahimè... (cade, poi via)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License