Carlo Goldoni
Lugrezia romana in Costantinopoli

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Mirmicàina sola.

 

 

Coss'oggio mo da far?

Se me fido, ho paura;

Se no me fido, tremo;

Se vago, posso deventar regina,

Ma posso anca morir.

Se resto, ho perso

Tutta la mia speranza.

Voggio pensarghe suso;

Proprio me sento in petto el cuor confuso.

 

Mi me trovo in sto momento

Tra l'ancuzene e 'l martello;

Vorrìa esser un osello

Per svolar de qua e de .

Povera grama, son qua mi sola,

Nissun mi trovo che me consola.

Chi me conseggia per carità? (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License