Carlo Goldoni
Lugrezia romana in Costantinopoli

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Giardino.

 

Mirmicàina, Ruscamar

 

MIRM.

Va via, Turco insolente:

O porteme respetto,

O una sleppa te petto.

RUSC.

Una sleppa de donna star onor

Che femena comparte.

MIRM.

Quando la xe cussì, vôi onorarte. (gli uno schiaffo)

RUSC.

Ahi, che onor maledetto!

MIRM.

Coss'è, la te despiase?

Chi dasseno vuol ben, tutto sopporta.

RUSC.

Aver ragiuna, far quel che ti vol;

Mi tutto sopportar.

MIRM.

(Un po' de spasso mi me vôi cavar).

Senti, se ti me vol per to muggier,

Convien farme un servizio.

RUSC.

Comandar;

Tutto per ti, caretta, voler far.

MIRM.

Mi voggio i to mustacchi.

RUSC.

Mia mustacchia?

MIRM.

Sì, caro, i to mustacchi.

RUSC.

Voler dar.

Presto forfe trovar, voler taggiar.

MIRM.

No, no, férmete, caro,

Te li taggierò mi.

RUSC.

Con to manine?

MIRM.

Per ti gh'ò tanto amor, gh'ò tanto zelo,

Che te voggio cavar pelo per pelo.

RUSC.

Ma sentir gran dolor.

MIRM.

Eh non importa.

Ogni pelo, ben mio, che caverò,

Un suspiro de cuor te donerò.

RUSC.

Son qua; de cuor suspira,

E mustacchia cavar, mustacchia tira.

 

MIRM.

Tiro.

RUSC.

Oimè!

MIRM.

Sospiro.

RUSC.

Cara!

MIRM.

Tiro, tiro.

RUSC.

Oimè!

MIRM.

Sospiro.

RUSC.

Lassa star de suspirar;

No voler mi più tirar.

MIRM.

Donca va, più no te voggio,

Ti xe un sporco,

Ti xe un orco;

Va in malora via de qua.

RUSC.

Tiò mustacchia, tira, tira.

MIRM.

Donca tiro.

RUSC.

Oimè! suspira.

MIRM.

Tiro, tiro.

RUSC.

Oimè! suspira.

MIRM.

Suspirar no voggio più.

RUSC.

Mi doler, no poder più. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License