Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Cecchino e dette.

 

CECC. Signora.

VIO. Che cosa vuoi?

CECC. Due signori desiderano riverirla.

VIO. Chi sono?

CECC. Il signor don Roberto ed il signor don Gismondo.

VIO. Vengo subito... Ma in questa camera non vi è uno specchio. Argentina, come ti pare ch'io stia?

ARG. Voi avete buonissima ciera.

VIO. Non dico questo. Il capo mi par d'averlo male assettato.

ARG. In verità, state benissimo.

VIO. Non è vero. Qui sento che li capelli sono arruffati.

ARG. Ma no, vi dico.

VIO. Ma non me ne fido. Vammi a prendere uno specchio.

ARG. E quei signori aspettano.

VIO. Presto, cara Argentina. Se non son quieta, perdo lo spirito.

ARG. Non so che dire; vi contenterò. (Davvero, davvero ho paura ch'ella abbia perso il cervello). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License