Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO SECONDO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Donna Elvira e detta.

 

AUR. Di grazia, non si faccia aspettare questa gran signora! Eccola. (La volontà di marito l'ha strascinata fin qui).

ELV. Serva, donna Aurelia. (guarda d'intorno)

AUR. Che guardate, amica?

ELV. Niente; son qui a ricevere i vostri comandi.

AUR. E che sì, che coll'occhio andate ricercando don Fausto?

ELV. Mi fate ridere. Ha da esser qui don Fausto?

AUR. Sì, ci ha da essere. A momenti verrà. Sedete. (siedono)

ElV. Sono obbligata al vostro buon cuore; ma ho timore che noi gettiamo la fatica ed il tempo.

AUR. Cara amica, ci conosciamo; e poi diffidate che due delle mie parole non abbiano a persuadere don Fausto?

ELV. In verità voi mi consolate. Lo farete di buon cuore?

AUR. Se non vi amassi, non lo farei.

ELV. Questa mattina, confesso il vero, ho dubitato dell'amor vostro; non mi sarei mai creduta che un'amica, come voi siete, ricusasse un bacio.

AUR. L'ho forse io ricusato?

ELV. No; ma sputandovi sopra, il disprezzo è stato maggiore.

AUR. Vi ho pure detto il perché.

ELV. Avete paura che sulle mie labbra vi sia il carmino? Io non ne ho bisogno, per grazia del cielo.

AUR. Eh già tutti i vostri colori sono naturali. (con ironia)

ELV. Vorreste forse dir di no? Venite la mattina a vedermi levar dal letto.

AUR. E poi, un poco di tinturetta non istà male.

ELV. Io no certo.

AUR. Oh!

ELV. No, vi dico

AUR. Eh!

ELV. Venite qua, provate col fazzoletto.

AUR. Sì, proviamo. (tira fuori il fazzoletto, e va per toccarla, ed ella si ritira)

ELV. Ma quando lo dico, dovete crederlo.

AUR. Presumete troppo a voler render la gente cieca.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License