Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Camera di donna Violante.

 

Argentina e Traccagnino

 

ARG. Potete lasciarla a me quella lettera, se v'incomoda l'aspettare.

TRACC. Signora no, no la posso lassar. Ghe l'ho da dar propriamente in man.

ARG. Sa il cielo quando verrà.

TRACC. Per mi vorria che la stasse tre o quattro zorni a vegnir.

ARG. E stareste qui ad aspettarla?

TRACC. Per véder, contemplar, ammirar la più bell'opera della madre natura.

ARG. Vi è qualche cosa che vi nel genio?

TRACC. Siora sì. Era avvezzo alle bellezze de Bergamo: bellezze no ghe n'ho visto più. Le vedo adesso, e me sento da quei occhietti a bisegar in tel cor. Che bella filosofia! che bel frontespizio! che guance candide e traccagnote! È vero che ghe manca la bellezza del gosso, ma ghqualcossa che pol supplir.

ARG. Il vostro nome?

TRACC. Traccagnin.

ARG. Bellissimo nome!

TRACC. Ghe dalo in tel genio sto nome diminutivo?

ARG. Sì, un nome adattato alla vostra corporatura.

TRACC. E pur un tocco de aseno m'ha dito che son un mezzan.

ARG. Non avrà inteso dirlo perché siete piccolo, ma per qualche altra ragione.

TRACC. Ma per cossa donca?

ARG. Forse perché vi averà veduto portar quella lettera. Mezzano vuol dire uno che porta lettere e fa imbasciate amorose.

TRACC. Ah, adesso lo capisso. Bravo! se lo trovo, vôi che femo pase, che bevemo un boccal de vin. Sì ben porto lettere, fazzo ambassade: son un mezzan. Vardé quando che i dise, se precipita delle volte per no capir.

ARG. Ecco la padrona.

TRACC. Me despiase che la sia vegnuda. Principiava a chiapparghe gusto. Ma se vederemo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License