Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO SECONDO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Donna Violante ed Argentina.

 

VIO. Si può sentire di peggio? (osservando la carta)

ARG. Ma perché, signora, andar in collera in quella maniera? Finalmente non è una gran cosa.

VIO. Non è una gran cosa? Una satira di questa sorta non è una gran cosa?

ARG. Una satira? Chi l'ha fatta?

VIO. Quel temerario di don Roberto

ARG. Ah indegno! Fa il cascamorto con voi, e poi vi manda le satire. Vedete, se il povero don Fausto dice sempre la verità?

VIO. Sì, lo conosco. Don Fausto mi ama; egli mi parla schietto, perché ha dell'amore per me. Basta che si moderi nel perseguitare il genio che ho per le lettere; del resto poi conosco ch'egli è il più sincero de' miei amici. Spiacemi averlo disgustato. Argentina, procura di ritrovarlo. Digli che mi preme comunicargli un affar d'importanza, che venga subito e che non manchi.

ARG. Sì, signora, anderò a cercarlo per tutto. Voglia il cielo che una volta diciate con lui davvero. (va per partire)

VIO. Senti.

ARG. Signora?

VIO. Della satira non gli dir nulla per ora.

ARG. Oh, signora no. (Questa ha da essere la prima cosa che io gli dico; e se trovo don Roberto, gli voglio dire le parolette turchine). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License