Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Don Roberto e poi Don Gismondo.

 

ROB. Povero stolto! Ci lascierai la vita sotto di questa spada.

GIS. Amico...

ROB. Ora ch'io sono in battermi, ci mancherebbe poco che non mi battessi con voi.

GIS. Con chi vi siete battuto?

ROB. Con don Fausto, e l'ho in una mano ferito.

GIS. Povero galantuomo! ed ora vorreste fare a me una finezza simile?

ROB. Che intenzione avete voi rispetto a donna Violante? Spiegatevi.

GIS. Caro amico, cosa occorre che ci confondiamo per lei, ora che ha perduta la lite...

ROB. Ha perduta la lite donna Violante?

GIS. L'ha perduta certo.

ROB. Chi ve l'ha detto?

GIS. Don Pirolino.

ROB. Che sia poi vero?

GIS. È vero pur troppo.

ROB. Povera donna! me ne dispiace infinitamente. Ora durerà fatica a rimaritarsi. (ripone la spada)

GIS. Voi l'abbandonerete per questo?

ROB. Per dirvela in confidenza, non son sì pazzo a precipitarmi.

GIS. Non so che dire. Io non vi posso dar torto.

ROB. E voi, don Gismondo, pensate voler continuare ad andarvi?

GIS. Oh, per un poco. Per non allontanarmi tutto ad un tratto. Per non far dire.

ROB. Sì, anch'io ho risolto di far il medesimo.

GIS. Bisogna che andiamo a condolerci della sua disgrazia.

ROB. È vero; questo è un complimento necessarissimo. Andremo poi allontanandoci un poco per volta.

GIS. Alla villeggiatura si tronca affatto. M'impegno che in quest'anno s'ha da ridurre in villa sola soletta a verseggiare con suo nipote. (parte)

ROB. Verseggi con chi le pare. Se ha perduta la speranza de' ventimila ducati, ella si renderà ridicola sempre più. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License