Carlo Goldoni
La donna di testa debole

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Donna Violante, Donna Elvira e Donna Aurelia.

 

AUR. Donna Violante, siete visibile?

VIO. Son qui, avete nulla da comandarmi?

AUR. Mi dispiace che abbiate perduta la vostra causa.

VIO. Avete sentito dire ch'io l'abbia perduta?

AUR. Sì, l'ho sentito dire con mio sommo rincrescimento.

VIO. (Ah, sarà pur troppo la verità). (da sé)

AUR. Ma voi siete superiore ai colpi della fortuna. Il vostro spirito non si lascia abbattere dalle disgrazie.

VIO. No certamente, non mi lascio abbattere; sono ancora la medesima. Semper idem.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License