Carlo Goldoni
Una delle ultime sere di carnovale

ATTO PRIMO

Scena Prima. Zamaria, Baldissera, Cosmo e Martin

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

Scena Prima. Zamaria, Baldissera, Cosmo e Martin

 

Camera e lumi sul tavolino

 

ZAMARIA Putti, vegnì qua. Stassera ve dago festa. Semo in ti ultimi zorni de carneval. Dago da cena ai mi amici; dopo cena se balerà quatro menueti; vualtri darè una man, se bisogna, e po magnerè, goderè, ve devertirè.

BALDISSERA Sior sì, sior patron; grazie al so bon amor.

MARTIN Semo qua a servirla, e goderemo anca nu le so grazie.

COSMO Oe, stassera no sentiremo la realtina al teler.(agli altri giovani)

ZAMARIA Ah! baron, veh! lo so, che ti gh'ha manco voggia dei altri de laorar. Peccà, peccà, che no ti applichi, che no ti voggi tender al sodo. Se ti vol, ti un bon laorante; e se ti volessi, ti deventeressi el più bravo testor de sto paese. Ma, sia dito a to onor e gloria, no ti gh'ha volontà de far ben.

COSMO No so cossa dir. Pol esser anca, che la diga la verità.

ZAMARIA Oh! via, per stassera no disemo altro. Devertìmose, e che tutti goda. Doman po, sior Cosmo carissimo, drio a quel drapeto. Vu, sior Baldissera, domattina a bon'ora andè dal manganer, a véder se i ha l'onda a quel amuer, e vu, sior Martin, scomenzerè a ordir quel camelotto color de gazìa

MARTIN Benissimo; e adesso cossa vorla, che femo?

ZAMARIA Adesso, andè de ; vardè, se a mia fia ghe bisogna gnente; qualcossa, se ghe n'avè voggia; e se no savè cossa far, tolè el trottolo, e devertive.

MARTIN Oh, che caro sior patron! Almanco el sempre aliegro.(parte)

BALDISSERA La diga. Balerémio anca nu un per de balloni?

ZAMARIA Sior sì. No se sàlo? Ha da balar tutti; balerò anca mi.

BALDISSERA Grazie; e viva; oh che gusto! (El un vecchietto, che propriamente el fa voggia).

COSMO La diga, sior patron: me dàla licenza, che alla festa fazza vegnir una putta?

ZAMARIA Una putta?

COSMO La vegnirà co so madre.

ZAMARIA Chi èla?

COSMO Tognina, fia de siora Gnese, che incana sea.

ZAMARIA Coss'è? Com'èla? Ghpericolo, che sta putta perda el giudizio?

COSMO Per cossa?

ZAMARIA Ghpericolo, che la te ?

COSMO Cossa songio?

ZAMARIA Un furbazzo, un galiotto, che ghe n'ha burlà cinque.

COSMO E una sie. Patron, grazie. La farò vegnir. A bon reverirla. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License